giovedì 3 novembre 2016

La creatività a base tecnologica è di casa alla LIUC - Studenti delle Superiori impegnati nella fabbricazione digitale


Quanto si sono sentiti coinvolti gli studenti di quarta Superiore? In una scala da 1 a 4, la risposta dei ragazzi è sempre stata al livello più alto, segno che la settimana di lavoro trascorsa all’Università Cattaneo è stata intensa ma anche piacevole, fattore non secondario per qualsiasi tipo di occupazione si intraprenda.
Impegno e passione. Sperimentazione e creatività. Conoscenze e competenze da acquisire sul campo, creando. E innovando.

E' stata la Learning Week “Creattiviamo”, realizzata presso il laboratorio SmartUp della LIUC – Università Cattaneo: una settimana che  - dal 24 al 28 ottobre 2016 - ha impegnato 20 studenti dell'ISIS Facchinetti di Castellanza e dell'IIS Torno di Castano Primo.
L’iniziativa è stata realizzata nel contesto del progetto I-KNOW – Innovazione e Knowledge management per il potenziamento del polo tecnico professionale del sistema moda lombardo, un progetto finanziato da Fondazione Cariplo e Regione Lombardia, con ACOF Olga Fiorini – Cooperativa Sociale Onlus di Busto Arsizio capofila, volto all'innovazione di prodotto e di idee.

In una settimana, suddivisi in gruppi, gli studenti hanno progettato, disegnato  e realizzato con stampanti 3D prototipi di prodotti innovativi e hanno messo alla prova le loro capacità di comunicare efficacemente le loro idee imprenditoriali.
Dalla  sperimentazione di nuove tecnologie, dunque, alla simulazione di un'attività di marketing: alla fine della settimana ogni gruppo ha avuto a disposizione cinque minuti  per presentare la propria creazione e convincere una platea di potenziali acquirenti. Il tutto sorretto da un vero e proprio gioco di squadra in ogni fase del progetto.
A supervisionare il lavoro dei 20 studenti c'erano i “coach” di SmartUp della LIUC, mentre altri tre studenti (tra cui due dell'IP Verri di Busto Arsizio) hanno documentato e diffuso informazione su questa Learning Week con una comunicazione social.

Informa Diego Borsellino di ACOF: “Nei prossimi mesi gli studenti di queste Scuole avranno la possibilità di partecipare ad iniziative di orientamento al lavoro denominate “Career Coaching”, a tirocini internazionali, a laboratori di ricerca e Open Day organizzati dal Centrocot e ad altre iniziative che adottano metodologie “esperienziali” catalogabili, secondo quanto previsto dall’avviso che le finanzia, come “laboratori didattici in situazione”.

“L’idea alla base delle Learning Week “Creattiviamo” è che strumenti tecnologici come le stampanti 3D possono essere usate efficacemente per aiutare gli studenti a sviluppare attitudini come la capacità di lavorare in modo collaborativo, il pensiero critico, la creatività. In questa prospettiva – sostiene il Professore Luca Mari, direttore di SmartUp e Ordinario della Scuola di Ingegneria Industriale della LIUC – gli strumenti digitali rimangono appunto strumenti: il nostro obiettivo non è di insegnare agli studenti come usare una stampante 3D o come costruire un prototipo; piuttosto, attraverso la costruzione di prototipi mediante stampanti 3D, cerchiamo di far vivere agli studenti un’esperienza di apprendimento attivo e coinvolgente, in cui loro stessi sono i protagonisti. Penso che queste attitudini saranno preziose per persone che nei prossimi anni si affacceranno a un mondo del lavoro sempre più permeato di tecnologia e sempre più complesso”.

Dopo l'esperienza pilota di novembre 2015, il laboratorio SmartUp della LIUC prosegue le sue attività di sperimentazione del percorso “Creattiviamo”.
Tre i bandi vinti per altrettanti progetti: oltre al progetto I-KNOW, il progetto LAB.INT – LABoratori e INTernazionalizzazione, avviato ad aprile 2016 che vedrà la seconda Learning Week in novembre 2016 e la terza a marzo 2017 e il progetto SUNRISE, finanziato dal MIUR che consentirà la realizzazione di 5 Learning Week “Creattiviamo” nel corso del 2017.