mercoledì 17 aprile 2013

Alla LIUC, Giurisprudenza con i processi simulati: nasce l’aula tribunale in università

Il prossimo martedì 23 aprile alla LIUC – Università Cattaneo Alla LIUC, Giurisprudenza con i processi simulati: nasce l’aula tribunale in università Non solo studio dei codici per gli studenti del corso di laurea in Giurisprudenza della LIUC – Università Cattaneo: il prossimo martedì 23 aprile si inaugura infatti in università un’aula che riprende in tutto e per tutto l’arredo di un’aula di tribunale. L’aula sarà appositamente dedicata ad alcune attività di tipo esperienziale, in particolare all’organizzazione di processi e altre procedure giuridiche simulate, alle quali gli studenti parteciperanno come parti. In queste attività saranno coinvolti non solo docenti, assistenti e tutor ma anche magistrati e avvocati. “Un’occasione per gli studenti - spiega il professor Giuseppe Zizzo, Direttore della Scuola di Diritto della LIUC – Università Cattaneo – per un primo contatto con la loro futura vita professionale e per divenire più consapevoli dei diversi contesti nei quali la stessa si potrà sviluppare”. Nel corso dell’inaugurazione, gli studenti avranno subito modo di “testare” l’aula, attraverso un dibattimento attorno al caso “Monte Bianco Spa – Esercizio Funivie”, relativo alla morte di dodici sciatori investiti da una valanga sulla pista del Pavillon a Courmayeur il 17 febbraio 1991. Il dibattimento sarà presieduto da Toni Adet Novik, Presidente della Sezione Penale del Tribunale di Busto Arsizio. Interverranno, oltre ai docenti della LIUC, anche Antonino Mazzeo Rinaldi (Presidente del Tribunale di Busto Arsizio) e Walter Picco Bellazzi (Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Busto Arsizio). Tra le altre attività di tipo laboratoriale rivolte agli studenti di Giurisprudenza della LIUC, c’è la redazione guidata di memorie, ricorsi, atti giuridici, contratti internazionali. I laboratori sono parte integrante dei principali insegnamenti, tra cui Diritto Processuale Civile, Diritto Processuale Penale, Diritto Amministrativo e Diritto Tributario. Un’opportunità, quella dei laboratori esperienziali, estesa anche agli studenti di Economia (ad esempio con la predisposizione di statuti, atti societari, analisi di bilanci ma anche di report e l’utilizzo di software aziendali) e di Ingegneria (con analisi di casi e produzione in regime di lean production per acquisire le competenze necessarie alla competitività aziendale). Corso di Laurea in Giurisprudenza Il corso di laurea in Giurisprudenza della LIUC – Università Cattaneo offre 4 percorsi in Pratica legale (3 indirizzi: Avvocato d'Affari, Penalista d'Impresa, Forense), International Legal Career (2 indirizzi: Global Corporate Lawyer, International Law & Organizations), Law and Management (3 indirizzi: Organizzazione, Pubblica Amministrazione, Finanza) e Doppia Laurea in Giurisprudenza ed Economia da conseguire in sei anni. Martedì 23 aprile Programma 15.30 Saluti introduttivi Giuseppe Zizzo Direttore Scuola di Diritto LIUC – Università Cattaneo Antonino Mazzeo Rinaldi Presidente Tribunale di Busto Arsizio Walter Picco Bellazzi Presidente Ordine Avvocati di Busto Arsizio 15.45 “La nuova Aula Tribunale della LIUC – Università Cattaneo” Mario Zanchetti Ordinario di Diritto Penale LIUC – Università Cattaneo 16.00 Dibattimento studenti Presiede: Toni Adet Novik Presidente Sezione Penale Tribunale di Busto Arsizio “Monte Bianco Spa – Esercizio Funivie” La morte di dodici sciatori investiti da una valanga sulla pista del Pavillon a Courmayeur il 17 febbraio 1991

lunedì 15 aprile 2013

Un open day “fuori dagli schemi”: possibilità di consulenza per la tesina di maturità e un “viaggio nelle terre estreme”, destinazione Mongolia

Università Aperta alla LIUC con presentazioni e test di ammissione Un open day “fuori dagli schemi”: possibilità di consulenza per la tesina di maturità e un “viaggio nelle terre estreme”, destinazione Mongolia La LIUC – Università Cattaneo apre le porte alle future matricole per una nuova giornata di Università Aperta il prossimo venerdì 19 aprile dalle ore 9.30 L’appuntamento è dedicato agli studenti che si stanno avvicinando al diploma e che sono interessati alle lauree triennali in Economia e Ingegneria e alla laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza. I visitatori potranno effettuare un tour dell'Università accompagnati da alcuni studenti LIUC e sostenere il test di ammissione, obbligatorio per tutti coloro che conseguono un voto di maturità inferiore a 80/100. Sarà inoltre possibile incontrare individualmente i docenti su appuntamento. Numerosi gli appuntamenti in programma, dalle presentazioni dei corsi ad altri momenti di respiro più ampio. Novità di quest’anno, infatti, l’introduzione di due incontri che esulano dalla tradizionale impostazione degli open day universitari e che vogliono fornire un “assaggio” delle tante competenze integrate per garantire agli studenti LIUC una preparazione di alto livello. Alle ore 11.45 si terrà un incontro tenuto da Mark Brusati dell’Unità di Studi sull’Economia Sostenibile della LIUC, dal titolo “Viaggio nelle terre estreme: Mongolia”: i partecipanti potranno conoscere meglio la spedizione scientifica che la LIUC sta conducendo in queste zone, finalizzata principalmente allo sviluppo del turismo sostenibile. Inoltre, nell’ambito del progetto “Non solo tesine”, per tutta la giornata gli studenti potranno richiedere una consulenza individuale sulla ricerca documentale che stanno svolgendo per le loro tesine di maturità, a partire da documenti già individuati, ma anche per integrare con ulteriori indicazioni bibliografiche. I partecipanti potranno anche prendere in prestito i libri della Biblioteca Mario Rostoni della LIUC per arricchire il loro lavoro. Per tutto il giorno, presso i LIUC Point si potranno richiedere informazioni dettagliate sui servizi d'eccellenza della LIUC: le Relazioni Internazionali, il Placement, le Borse di Studio, il progetto Skills&Behaviour, la Biblioteca, il Centro Linguistico, le Attività Extradidattiche. Sarà anche possibile visitare la Residenza Universitaria interna al Campus. Novità per il prossimo Anno Accademico: Economia: un nuovo percorso interamente in lingua inglese, con il secondo anno da trascorrere presso un’Università straniera tra quelle partner (e l’opportunità di proseguire poi nella laurea magistrale scegliendo tra due percorsi in lingua inglese). Ingegneria: è stata introdotta l’opzione al terzo anno tra Industriale e Business Services. Sono offerti percorsi esperienziali per una formazione aderente al mondo delle imprese. Giurisprudenza: si consolida la proposta di una formazione ad hoc per i nuovi professionisti del diritto nel mercato globale. E’ stata inoltre incentivata l’iniziativa Premiamo il merito (che prevede una scontistica fino al 50% sulla tassa d’iscrizione, in base al voto di maturità e al mantenimento del merito) con un’estensione delle “fasce di merito”. Programma 09.30 Accoglienza e registrazione (ingresso edificio aule) 10.00 Il progetto didattico della LIUC (aula C228) Presentazione Offerta Formativa LIUC: • Economia Aziendale • Ingegneria Gestionale • Giurisprudenza 11.30 Visita guidata dell’Università con gli studenti del Team Accoglienza 11.45 Viaggio nelle terre estreme: Mongolia: presentazione a cura dell’Unità di Studi sull’Economia Sostenibile 13.00 Test Ammissione (aula C228) Dalle ore 9.30 alle 13.00 LIUC-POINT • Economia • Giurisprudenza • Ingegneria • Borse di studio • Biblioteca • Relazioni internazionali • Stage e placement • Attività extra didattiche • Skills & Behaviour • Certificazione linguistiche Per tutta la giornata: - “Non solo tesine”: colloqui di valutazione del processo di ricerca documentale per maturandi (tesina) - Possibilità di incontri e colloqui individuali con i docenti LIUC, previo appuntamento

giovedì 11 aprile 2013

“… E uno per la teiera”: gli studenti della LIUC tornano sul palco

Il prossimo mercoledì 17 aprile al Teatro Dante di Castellanza “… E uno per la teiera”: gli studenti della LIUC tornano sul palco Torna l'appuntamento con il laboratorio teatrale della LIUC – Università Cattaneo: mercoledì 17 aprile alle 21.00 presso il teatro di via Dante di Castellanza gli studenti si esibiranno nella commedia “… E uno per la teiera” dell’inglese Ray Cooney. Lo spettacolo si apre con i preparativi per la festa di compleanno di Cinzia, unica figlia di Jonathan Hardcastle: quest’ultimo ha deciso di chiudere un vecchio conto con un ex - socio in affari, destinando un cospicuo lascito in denaro al legittimo erede, Billy Hickory, che, rintracciato attraverso un'inserzione sul giornale, si presenta puntualmente la sera stessa accompagnato da un sedicente avvocato. Billy è un sempliciotto, che assume spesso comportamenti infantili e commette inevitabilmente una serie di gaffe. Ma siamo solo all'inizio: si renderà nota infatti ben presto l’esistenza di un secondo fratello e poi di un terzo e di un quarto. Un'autentica farsa all'inglese in cui si susseguono equivoci, travestimenti, sostituzioni di persona, imbrogli e inaspettati colpi di fulmine. Si ricorda che l'ingresso è gratuito. Il laboratorio teatrale si inserisce nel complesso delle numerose attività extradidattiche proposte dalla LIUC ai propri studenti (sport, radio, associazioni studentesche ecc.) per una formazione a 360°, mirate all’acquisizione di capacità di leadership, team building e networking. Negli ultimi anni sono stati portati in scena i seguenti spettacoli: “Cena di Natale”, “Tredici a tavola”, “Dieci Piccoli Indiani”, “Arsenico e Vecchi Merletti”, “Pallottole su Broadway”, “Prima pagina”, “E’ una caratteristica di famiglia” e “Signori il delitto è servito”. “ …E UNO PER LA TEIERA” di Ray Cooney Mercoledi’ 17 aprile 2013 ore 21.00 Teatro Dante – Castellanza B.,R.,M.,P. HICKORY WOOD Ivan Scheri CHARLIE BARNET Riccardo Mazzullo JUGG Davide Giana JONATHAN HARDCASTLE Gabriele Ambrosetti CINZIA HARDCASTLE Valentina Argentieri AMY HARDCASTLE Eleonora Frigo ARNOLD PIPER Lorenzo Di Fulvio WINNIE Antonella Palumbo CLIFTON WEAVER Riccardo Alba Consulenza Fonica Stefano D’Onofrio – Marco De Carne – Michele Sanguine Regia Elena Fontana

mercoledì 10 aprile 2013

Giuseppe Luraghi: l’uomo della grande Alfa Romeo

Per le “Conversazioni in Biblioteca”, un incontro con Daniele Pozzi, docente di Economia pubblica e Storia economica alla LIUC - Università Cattaneo Giuseppe Luraghi: l’uomo della grande Alfa Romeo In occasione dell’uscita del suo libro “Una sfida al capitalismo italiano: Giuseppe Luraghi”, Daniele Pozzi, docente di Economia pubblica e Storia economica alla LIUC - Università Cattaneo, presenta la vicenda professionale e personale di uno dei più intraprendenti dirigenti industriali del Secondo Dopoguerra. L’appuntamento, dal titolo “Giuseppe Luraghi: l’uomo della grande Alfa Romeo” è per sabato 13 aprile alle ore 10.30 presso la Biblioteca Mario Rostoni della LIUC. Oltre al professor Pozzi, interverrà Pablo Rossi, curatore dell’Archivio storico Giuseppe Eugenio Luraghi. Luraghi fu capace, come dirigente-imprenditore, di ritagliarsi un proprio spazio decisionale, dialogando da pari sia con il mondo politico italiano sia con la proprietà delle grandi imprese private per cui lavorò. Inoltre, si propose sempre come un dirigente industriale moderno, capace di razionalizzazione in maniera scientifica la propria attività. Protagonista della storia industriale italiana, agendo all’interno di grande industrie come Pirelli, Sip, Finmeccanica e Alfa Romeo, diede prova sia delle sue competenze in termini di gestione aziendale e di organizzazione della produzione, sia della lungimiranza e della creatività dei suoi progetti e delle sue idee. Il caso forse più noto delle sue intuizioni imprenditoriali fu la decisione di produrre la Giulietta, automobile divenuta un mito. Così facendo trasformò il marchio Alfa Romeo in un punto di riferimento non solo delle piste, ma anche degli automobilisti italiani e di tutto il mondo. L’evento si svolge con la collaborazione di Alfa Romeo Club Milano. Inoltre, parteciperà Alfa Blue Team. Con l’occasione, nei pressi della Biblioteca della LIUC sarà possibile ammirare alcuni dei modelli più amati della grande stagione Alfa Romeo degli anni ’50-‘70. L’incontro rappresenta un’occasione per conoscere e approfondire momenti essenziali della storia dell’economia e dell’industria italiana negli anni che vanno dalla fine della seconda guerra mondiale, al periodo del boom e al grande cambiamento degli anni ’70.

martedì 9 aprile 2013

“The art of entrepreneurship”: con JELiuc e LIUC Alumni, soluzioni collaborative per fare impresa

Il prossimo giovedì 11 aprile alla LIUC – Università Cattaneo “The art of entrepreneurship”: con JELiuc e LIUC Alumni, soluzioni collaborative per fare impresa “Fare impresa oggi è ancora possibile?”: a questa domanda cercheranno di rispondere l’associazione studentesca JELiuc (Junior Enterprise LIUC) e l’associazione dei laureati LIUC Alumni, con un evento in programma il prossimo giovedì 11 aprile a partire dalle ore 17.30. Diana Rovati di LIUC Innovazione e Brevetti tratterà di come le start up possono tutelarsi nel percorso di avvio della loro attività, affinchè l’idea tecnologica che sta alla base della nuova impresa sia sufficientemente protetta, anche ai fini del reperimento di finanziamenti. Con Sara Sterlocchi del CETIC (Centro di Ricerca per l'Economia e le Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione), si parlerà invece di “Be CEO for a day”, il Business Game sviluppato dal CETIC per l’Associazione JELiuc: un gioco in cui le aziende competono in un mercato simulato creando piani di marketing, di investimento, approvvigionamento e produzione con l'obiettivo di massimizzare il valore dell'azienda ed accrescere il proprio vantaggio competitivo. Nel corso dell’evento verrà illustrato anche un case study, quello di SelectTrade Spa, creata da 2 laureati LIUC. L’iniziativa gode del patrocinio di Confindustria Lombardia e della Provincia di Varese ed è organizzata in collaborazione con Harvard Business Review Italia. L’Associazione studentesca JELiuc offre consulenza aziendale alle imprese e alle istituzioni ed è parte di un network italiano ed europeo (JADE - European Confederation of Junior Enterprise) che vanta collaborazioni e progetti con alcune delle più importanti aziende europee, senza tuttavia trascurare l’ambito locale e le PMI. LIUC Alumni vuole essere il punto di riferimento per i laureati LIUC e si pone come obiettivo di fondo lo sviluppo di un network duraturo, il rafforzamento dei legami con l'Università e la promozione del ruolo e dei valori dei laureati LIUC nel mercato del lavoro e nella società. Programma 17:30 Registrazione – Arrivo ospiti 17:45 Apertura William Vecchiato Presidente JELiuc – Junior Enterprise LIUC 17:55 Presentazione Ass.ne LIUC Alumni Luigi Vecchione Membro Direttivo – Ass.ne LIUC Alumni 18:05 Case Study: “Dall’Università all’Impresa” Edoardo Bulgheroni & Alberto Zocchi Soci fondatori di SelecTTrade S.p.A. 18:25 Strumenti a supporto e tutela di nuove idee imprenditoriali Diana Rovati Docente LIUC – Università Cattaneo e Ricercatrice LIUC – Innovazione e Brevetti 18.:45 Presentazione “Be CEO for a day!” Sara Sterlocchi Docente LIUC e Ricercatrice CETIC William Vecchiato Presidente JELiuc – Junior Enterprise LIUC Leonardo De Luca Presidente JEst – Junior Enterprise Vicenza 19:10 Chiusura evento e rinfresco

giovedì 4 aprile 2013

Progetto ETICO(Energia al Trasferimento tecnologICO per l’innovazione)

Progetto ETICO(Energia al Trasferimento tecnologICO per l’innovazione) Un’unità operativa inter - universitaria per portare tecnologie innovative in impresa Soggetti promotori: • Politecnico di Milano (Dipartimento di Energia e Dipartimento di Meccanica) • LIUC – Università Cattaneo • Associazione Energy Cluster • Euroimpresa • EnergyLAB • Innovhub – Stazioni Sperimentali per l’industria Descrizione del progetto: ETICO è un progetto di ricerca finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (durata 24 mesi, importo cofinanziato da MSE di circa 800.000 Euro) che si è collocato al primo posto della graduatoria per l’area tecnologica “Tecnologie Energetiche”. Il progetto si propone di mettere a disposizione delle imprese i risultati della ricerca universitaria in termini di innovazione tecnologica, adattando le tecnologie alle specifiche esigenze delle aziende e garantendo nel tempo continuità e sostenibilità. ETICO si propone in particolare di dare un supporto alle PMI che operano nei settori Termoelettromeccanico, Energie rinnovabili, Efficienza energetica e Smart Grids. In linea generale, le principali imprese interessate sono quelle che contribuiscono a realizzare prodotti o impianti utilizzati per la generazione, distribuzione e trasmissione dell’energia, da quella convenzionale a quella connessa alle energie rinnovabili, oppure che si occupano di sistemi per la promozione dell’efficienza energetica negli usi finali. Come opera Il progetto si sviluppa a partire dall’individuazione dei bisogni di innovazione (ad esempio, tramite lo studio dei materiali ferrosi e non ad alte temperature e/o prestazioni, ma anche delle lavorazioni meccaniche di alta precisione, di fluidodinamica, combustione, vibrazioni, elettronica di controllo e potenza) e prevede poi un collegamento tra le tecnologie individuate dalla ricerca e le imprese interessate. ETICO vuole affiancare le aziende perché possano accrescere la loro competitività attraverso l’innovazione di processo, di prodotto e di mercato, ma intende anche supportare iniziative legate al trasferimento tecnologico con nuove startup e creare un pool di conoscenze condivise alle quali le PMI possano accedere, attingendo professionalità e supporto tecnologico specialistico. In questo modo si intende anche incrementare la visibilità sul mercato delle PMI, che verranno inserite in un sistema produttivo locale di qualità riconosciuta, e far emergere le potenziali sinergie tra il mondo delle istituzioni, delle imprese, della ricerca e dei centri di eccellenza presenti sul territorio. Per meglio raggiungere gli obiettivi del progetto sul territorio lombardo, verrà aperto uno sportello rivolto alle imprese presso la LIUC - Università Cattaneo, grazie al quale saranno rese disponibili sia le competenze tecnologiche e scientifiche del Politecnico di Milano, sia quelle gestionali e di processo della LIUC. Obiettivo di questa attività è recepire le esigenze e i bisogni di innovazione del tessuto produttivo locale per offrire alle aziende un servizio di consulenza tecnico-scientifica e gestionale nella sperimentazione e nell’adozione di tecnologie innovative, ma anche per proporre seminari e corsi di formazione su tecnologie altamente innovative e sulle loro implicazioni organizzative e gestionali. “E’ una vera novità – spiega Raffaella Manzini, professore associato della Scuola di Ingegneria Industriale della LIUC - Università Cattaneo - il fatto che si costituisca un’unità operativa inter - universitaria interamente dedicata a portare tecnologie innovative in impresa. Non a vendere tecnologie, ma a spiegarle, applicarle, discuterle nel loro contesto applicativo. Si dice sempre che università e impresa hanno linguaggi diversi e sono ancora molto distanti: alla LIUC abbiamo costituito un gruppo di lavoro che, unendo le nostre competenze gestionali e organizzative a quelle tecniche del Politecnico, potrà fornire un primo esempio di riduzione di quella distanza. L’esperienza specifica di LIUC, che dalla sua fondazione ha concretamente “fatto pratica” di trasferimento di conoscenza alle imprese del territorio, farà la differenza”. “Per il Politecnico di Milano - spiega Ennio Macchi (professore ordinario di Conversione dell’Energia del Politecnico di Milano e responsabile scientifico del progetto) - il progetto ETICO rappresenta una sfida importante: gran parte delle nostre ricerche su temi energetici e' svolta in collaborazione con grandi gruppi industriali, mentre in questo caso dobbiamo confrontarci con una realtà diversa. Speriamo di trovare giovani imprenditori lombardi disposti a dedicare tempo e passione all' innovazione tecnologica. Il mondo dell'energia e' in rapida evoluzione e offre molte occasioni di sviluppare componenti e sistemi innovativi. Efficienza energetica, fonti rinnovabili, abbattimento delle emissioni saranno i temi dominanti su cui cercheremo di attivare nuove attività' imprenditoriali”.