giovedì 31 maggio 2012

Nuove nomine alla LIUC – Università Cattaneo

Con il nuovo Statuto Nuove nomine alla LIUC – Università Cattaneo Con l’entrata in vigore del nuovo Statuto della LIUC – Università Cattaneo e in linea con la Riforma Universitaria, il Consiglio di Amministrazione ha formalizzato la costituzione delle Scuole Universitarie che, per quanto riguarda la didattica, sostituiranno le Facoltà. Nel dettaglio, sono state costituite le seguenti Scuole e nominati i relativi Direttori: - Scuola di Economia e Management - Direttore: prof. Valter Lazzari Corso di Laurea in Economia Aziendale Corso di Laurea Magistrale in Economia Aziendale e Management - Scuola di Diritto - Direttore: prof. Giuseppe Zizzo Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza - Scuola di Ingegneria Industriale - Direttore: prof. Carlo Noè Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale per la Produzione Industriale Sempre in linea con il nuovo Statuto, sono stati costituiti due Gruppi di ricerca in sostituzione degli Istituti: - Gruppo di ricerca di Scienze Economiche, giuridiche e finanziarie (con 20 docenti) - Coordinatore: prof. Alberto Malatesta - Gruppo di ricerca di Scienze Manageriali e imprenditoriali (con 30 docenti) - Coordinatore: prof. Gianfranco Rebora “Con il nuovo statuto - commenta il Rettore della LIUC – Università Cattaneo Valter Lazzari - ci uniformiamo a quanto previsto dalla Riforma. Le 3 Scuole saranno dedite esclusivamente al disegno, all’organizzazione e all’erogazione dell’offerta didattica, includendo sia docenti strutturati sia docenti a contratto titolari di insegnamento. La facilitazione, il monitoraggio e la valutazione dell’attività di ricerca e dei suoi risultati saranno invece compito esclusivo dei due Gruppi di ricerca: un compito delicato e di crescente importanza stanti gli obiettivi sempre più rilevanti che l’Università si pone nell’ambito della ricerca”. Francesca Zeroli ufficiostampa@liuc.it, fzeroli@liuc.it Tel. 0331.572.449 Fax 0331.480746 www.liuc.it

martedì 29 maggio 2012

Workshop del Centro di Ricerche sulla Complessità (CeRiCo): il prof. Alberto F. De Toni parla di sistemi complessi e auto – organizzazione

Il prossimo giovedì 31 maggio alla LIUC – Università Cattaneo Workshop del Centro di Ricerche sulla Complessità (CeRiCo): il prof. Alberto F. De Toni parla di sistemi complessi e auto – organizzazione Prossimo appuntamento con il Centro di Ricerche sulla Complessità (CeRiCo) della LIUC – Università Cattaneo il prossimo giovedì 31 maggio 2012 alle ore 15.00. Interverrà il professor Alberto F. De Toni, ordinario di “Organizzazione della produzione” e “Gestione dei sistemi complessi” e preside della Facoltà di Ingegneria presso l’Università di Udine. Durante l’incontro, il prof. De Toni, che è anche membro del comitato scientifico del CeRiCo, trasmetterà i risultati delle sue ricerche sui sistemi complessi e l’auto-organizzazione, soprattutto nei sistemi sociali. I sistemi complessi adattativi presentano, tra le altre caratteristiche, quella dell’auto-organizzazione delle loro componenti, fenomeno emergente che spesso sorprende e che molti considerano pericoloso, insopportabilmente spontaneo e sul quale sarebbe opportuno intervenire. Con la conseguenza quasi certa di provocare effetti diretti o collaterali più o meno disastrosi, esempi di soluzioni che creano problemi.

mercoledì 23 maggio 2012

La LIUC in visita ad una delle aziende leader nel settore alimentare

Studenti LIUC e internazionali in visita alla Barilla La LIUC in visita ad una delle aziende leader nel settore alimentare Dai banchi della LIUC al nuovo stabilimento Barilla di Parma, uno dei più moderni ed efficienti impianti produttivi del settore alimentare in Europa: questa è la nuova opportunità offerta agli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale per la Produzione Industriale della LIUC, nell’ambito delle attività di didattica esperienziale. L’iniziativa è stata promossa dal C – Log, Centro di Ricerca sulla Logistica attivo nell’ambito della Facoltà di Ingegneria della LIUC – Università Cattaneo, diretto dal prof. Fabrizio Dallari, in collaborazione con la School of Management della Technische Universität München. Il progetto formativo prevede una serie di incontri e di visite da parte degli studenti dell’ateneo bavarese nelle più importanti aziende italiane. Oltre a Barilla, gli studenti avranno in seguito l’opportunità di visitare gli stabilimenti di Parmalat e di Lavazza. Questo evento è un’ulteriore conferma dell’impegno costante della LIUC nell’avvicinare gli studenti al mondo del lavoro, fornendo un riscontro pratico agli elementi teorici affrontati durante il percorso di studio. “Queste visite” afferma il prof. Fabrizio Dallari “svolte in lingua inglese e in un contesto di studenti internazionali, accrescono il valore aggiunto del bagaglio culturale dei laureandi LIUC, consentendo loro di entrare in contatto con realtà storiche e di eccellenza del panorama nazionale ed internazionale”. L’iniziativa con Technische Universität München porterà il prossimo anno all’organizzazione di visite aziendali di studenti LIUC in Germania presso i più importanti centri produttivi bavaresi, sempre in collaborazione con il Centro di Ricerca sulla Logistica della LIUC a favore della formazione dei laureati in ingegneria gestionale. “Nel corso degli studi in ingegneria gestionale alla LIUC”, commenta lo studente Gregorio Castano – vengono offerte moltissime occasioni di confronto reale con il contesto esterno. Questo è stato uno dei fattori che mi hanno fatto scegliere la LIUC”. La grande attenzione per lo studente e per la didattica esperienziale, sviluppata anche attraverso la collaborazione con i più attivi centri di ricerca, sono gli elementi distintivi della LIUC – Università Cattaneo, che sui temi di logistica e produzione è ormai un punto di riferimento non solo a livello nazionale, ma anche internazionale. Castellanza, 23 maggio 2012

lunedì 21 maggio 2012

Lombardy Energy 2012 : 27 imprese lombarde collaborano per crescere sui mercati esteri

Lombardy Energy 2012 : 27 imprese lombarde collaborano per crescere sui mercati esteri Una piattaforma di social networking sviluppata da LIUC alla base del progetto Castellanza (VA), 21 maggio 2012 – E’ stato presentato oggi alla LIUC - Università Cattaneo il nuovo progetto Lombardy Energy 2012 firmato da Energy Cluster, Euroimpresa, LIUC – Università Cattaneo, con il co - finanziamento di Regione Lombardia. Lombardy Energy è un progetto che nasce da Energy Cluster - la rete di 98 imprese che con un indotto di quasi 9 miliardi di euro fornisce prodotti e servizi per la generazione e distribuzione di energia elettrica - che consentirà di sostenere l'internazionalizzazione di 27 imprese lombarde del settore dell’energia, presidiando i mercati esteri, favorendo sinergie ed alleanze di lungo periodo e lo scambio di competenze con altri cluster a livello europeo e mondiale. L’obiettivo principale del progetto - nel quale vengono investiti 345 mila euro, di cui oltre 240 mila a carico della Regione Lombardia - è quello di contribuire ad incrementare la conoscenza e la visibilità delle imprese sul mercato, soprattutto per le realtà più piccole, e sviluppare così una presenza più efficace nei mercati esteri. Il progetto, che si avvale della gestione operativa di Euroimpresa, si basa sulla realizzazione di una piattaforma web based firmata dal Centro di Ricerca per l’Economia e le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (CETIC) della LIUC – Università Cattaneo. Una piattaforma di “social networking” in grado di promuovere azioni comuni, di facilitare e aumentare l’aggregazione e la collaborazione tra le aziende e di presentarsi sul mercato estero come un soggetto unico. Oltre alle 27 PMI che parteciperanno, il progetto vedrà il coinvolgimento anche delle grandi imprese appartenenti all’Energy Cluster e di altre PMI interessate che porteranno il proprio contributo in termini di conoscenze, informazioni e contatti relativi al settore dell’energia nel mondo. Un supporto fondamentale per le PMI che, spesso, non hanno mezzi e competenze per accedere a tali canali. “La crescente pressione competitiva proveniente dai maggiori paesi europei e la creazione di nuove catene del valore globali per progettare, creare e distribuire prodotti e servizi - ha dichiarato Alberto Ribolla, presidente di Lombardy Energy Cluster - hanno un enorme impatto sul modo in cui operano le PMI oggi. Il Lombardy Energy Cluster nasce per questo in un’ottica di internazionalizzazione e intende svolgere un ruolo strategico nel sostenere le imprese del territorio che col loro bagaglio di innovazione e competitività hanno il potenziale per accedere a mercati più ampi”. “Le piccole, medie e grandi imprese del Cluster hanno bisogno oggi di fare ‘massa critica’ - ha continuato Ribolla - di condividere informazioni, di accedere a contatti qualificati per identificare potenziali partner internazionali e di creare catene di valore, per essere in grado di presidiare i mercati con il minor dispendio di energie e di risorse”. A sviluppare lo strumento che consentirà concretamente alle imprese di attivare meccanismi collaborativi per una loro maggiore presenza sui mercati internazionali è il CETIC della LIUC, diretto da Aurelio Ravarini: “Il Lombardy Energy Claster - ha dichiarato il professore - rappresenta un’occasione importante per trasferire al territorio la nostra expertise sulle piattaforme di social networking e sulle pratiche collaborative costruite lavorando con e per le imprese di questo stesso territorio”. “La lunga frequentazione con il mondo imprenditoriale rende evidente uno degli aspetti fondamentali di questo progetto - ha continuato Ravarini - il cambiamento culturale che comincia a fare breccia nelle imprese - a partire dalle 27 che hanno aderito - verso forme di collaborazione strutturate e funzionali a obiettivi comuni”. Di seguito il commento di Andrea Gibelli, Vicepresidente e Assessore all'Industria, artigianato, edilizia e cooperazione – Regione Lombardia: “Lombardy Energy è un’ulteriore dimostrazione di quanto sia fondamentale per le Pmi mettersi in rete. In questo modo infatti è possibile aumentare il proprio grado di competitività e conquistare nuovi mercati internazionali prima difficilmente raggiungibili dai piccoli singolarmente. Regione Lombardia proprio per salvaguardare e supportare concretamente le proprie imprese ha sostenuto convintamente anche questo importante progetto. Le parole chiave per uscire dalla crisi sono quindi: internazionalizzazione, innovazione e reti di imprese. Settori strategici per i quali abbiamo previsto bandi ad hoc che consentono alla aziende presenti sul territorio di contrastare nel migliore dei modi la crisi”. Energy Cluster è un sistema produttivo al servizio dell’energia, una rete costituita “dalle imprese per le imprese” che si fonda su tradizioni e competenze fortemente radicate in tutto il territorio lombardo. Energy cluster, sostenuto da importanti imprese leader nel settore, è finalizzato a strutturare e potenziare una supply chain integrata in grado di essere riconosciuta quale fornitore di eccellenza per l’energia, con prodotti di qualità e know-how: un “made in Italy” in rete con il mondo. Energy cluster associa 100 imprese che costruiscono, o contribuiscono a costruire, prodotti utilizzati per la generazione e la distribuzione dell’energia, da quella tradizionale a quella connessa alle energie rinnovabili: una filiera strategica che ha saputo consolidarsi nel tempo e che promuove l’aggregazione di piccole e medie imprese in funzione delle esigenze del mercato. Il cluster associa unitamente alle imprese 8 tra università e centri di conoscenza e di ricerca, associazioni imprenditoriali, Euroimpresa Legnano (struttura operativa) ed enti della pubblica amministrazione. LIUC – Università Cattaneo Nasce nel 1991 per iniziativa dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese con uno scopo preciso: favorire lo sviluppo della cultura aziendale e preparare professionisti d’impresa. L’offerta formativa si articola in tre facoltà, Economia, Giurisprudenza, Ingegneria, oltre a numerosi master e corsi di formazione permanente. L’interazione con il mondo imprenditoriale (anche attraverso accordi di collaborazione con associazioni di categoria e ordini professionali), gli scambi internazionali e l’offerta di stage durante il percorso sono gli elementi chiave per un rapido inserimento dei laureati LIUC nel mondo del lavoro. Il tempo medio di attesa per un’occupazione è infatti di soli due mesi e mezzo. La LIUC si avvale inoltre di numerosi Centri di Ricerca, Laboratori e Osservatori. Il CETIC (Centro di Ricerca per l'Economia e le Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione) della LIUC - Università Cattaneo dal 1996 svolge attività di ricerca e realizza progetti di trasferimento tecnologico e innovazione organizzativa supportata dalle tecnologie informatiche. L'attività di ricerca è finalizzata allo studio dell'allineamento tra strategia e informatica attraverso il miglioramento dei processi di business (Business Process Innovation) e allo sviluppo di metodologie per facilitare l'innovazione organizzativa grazie a strumenti informatici, in particolare a supporto della formazione (web-learning). I risultati della ricerca si concretizzano in progetti all’interno di organizzazioni reali, anche attraverso finanziamenti europei, regionali (CETIC è anche registrato come Centro di Ricerca e Trasferimento Tecnologico nel sistema QuESTIO della Regione Lombardia) o di altri soggetti pubblici e privati. Euroimpresa nasce nel 1996. Soggetto accreditato Questio, dotato della qualifica di Business Innovation Centre, svolge ruolo di Agenzia di Sviluppo d’area specializzata nella promozione e gestione di progetti di R&S perseguendo finalità di interesse collettivo nel rispetto di criteri di efficienza e sostenibilità. L'Agenzia, partecipata da Provincia di Milano, Comune di Legnano, dai Comuni del territorio e da altri soggetti istituzionali locali, intende svolgere una funzione di stimolo nei confronti della crescita locale del sistema economico-produttivo e del sistema pubblico-amministrativo di riferimento. In qualità di soggetto operativo di Energy Cluster, Euroimpresa garantisce il controllo e la collaborazione fra tutti i partecipanti (imprese, istituzioni, associazioni), oltre il conseguimento degli obiettivi strategici della rete.

mercoledì 16 maggio 2012

Uno scopo comune: si rinnova l’appuntamento con l’incontro donatori – borsisti della LIUC

Domani, giovedì 17 maggio, alla LIUC – Università Cattaneo Uno scopo comune: si rinnova l’appuntamento con l’incontro donatori – borsisti della LIUC Donatori delle borse di studio e studenti beneficiari saranno protagonisti domani, giovedì 17 maggio, alla LIUC – Università Cattaneo, dell’ormai tradizionale giornata di incontro, in programma a partire dalle ore 17.30. Un appuntamento che permette a tutte le realtà che sostengono gli studenti LIUC, particolarmente i più meritevoli, di incontrare personalmente i beneficiari delle borse, ma anche un momento per ricordare che la LIUC è da sempre attenta alla valorizzazione del merito, non solo quindi in conseguenza della difficile congiuntura economica che stiamo vivendo. Grazie infatti al contributo di enti pubblici, quali Regione Lombardia, Camera di Commercio di Varese, Provincia di Varese, Comune di Castellanza, di enti quali la Fondazione Famiglia Legnanese, l’Associazione Amici LIUC e la Fondazione Cariplo, di imprese come la Pedrollo Spa, di banche, associazioni di settore e singoli privati, la LIUC – Università Cattaneo realizza ogni anno una serie di interventi tramite borse di studio e agevolazioni economiche varie. Un peso rilevante ha assunto l’iniziativa Premiamo il merito, giunta al nono anno di attuazione, con cui si concedono riduzioni dal 12,5% al 50% della retta universitaria in base al voto di maturità compreso tra 90 e 100, rinnovabili ogni anno al conseguimento di un determinato merito accademico. Nell’Anno Accademico 2010/11, 672.000 Euro sono stati erogati dal Servizio per il Diritto allo studio in contributi diretti agli studenti (239 borse di studio e contributi vari, 65 collaborazioni part-time), e 133.000 Euro sono stati gestiti dal Servizio Relazioni Internazionali per la mobilità (fondi europei Erasmus, contributi ministeriali, Fondazione Cariplo). 878.000 Euro è stato il valore di esoneri e riduzioni rette. Per l’Anno Accademico 2011/12 sono previsti benefici per un valore di 663.000 Euro erogati dal Servizio per il Diritto allo studio in contributi diretti agli studenti (232 borse di studio e contributi vari, 65 collaborazioni part-time) e 145.000 Euro circa gestiti dal Servizio Relazioni Internazionali per la mobilità. 948.000 Euro il valore di esoneri e riduzioni rette. I contributi diretti sono dati in forme diverse: borse di studio (basate su reddito e merito), premi di merito (in base a crediti e media voti non inferiore a 27), contributi per la mobilità internazionale, contributi per servizio alloggio e mensa su fondi della Regione, premi di tesi, collaborazioni part-time nei Servizi dell’Università (150 ore). Programma 17,30: Saluto Sabrina Belli - Servizio per il Diritto allo studio Interventi: Prof. Valter Lazzari - Rettore LIUC – Università Cattaneo Dott. Bruno Amoroso - Presidente Camera di Commercio di Varese Comm. Luigi Caironi - Presidente della Famiglia Legnanese Dott. Enrico Colombo - Presidente Associazione Amici LIUC Interventi liberi dai rappresentanti degli enti Interventi liberi degli studenti Ore 18,30 Aperitivo Castellanza, 16 maggio 2012 Francesca Zeroli Comunicazione e Immagine Rapporti con la Stampa LIUC – Università Cattaneo ufficiostampa@liuc.it, fzeroli@liuc.it Tel. 0331.572.541 Fax 0331.480746 www.liuc.it