giovedì 16 dicembre 2010

L’Ambrogino d’Oro a Giovanni Bognetti, docente LIUC

Nell’ambito dell’ultima edizione del Premio

L’Ambrogino d’Oro a
Giovanni Bognetti, docente LIUC

Un riconoscimento alla “milanesità” nel segno di una lunga carriera accademica: tra i premiati dal Comune di Milano in occasione dell’Ambrogino d’Oro, c’è quest’anno anche un docente dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC, il professor Giovanni Bognetti.
Il professor Bognetti, che alla LIUC insegna Diritto Costituzionale agli studenti del corso di laurea in Giurisprudenza, è stato insignito dell’Ambrogino d’Oro con la seguente motivazione: “Nato a Milano, ha dedicato la vita allo studio del diritto diventando un giurista di fama internazionale. Ha insegnato nelle più prestigiose università italiane, americane e francesi. Nella sua carriera ha pubblicato centinaia di articoli su riviste e scritto diversi libri e saggi dedicati al diritto. Negli anni ’80 è stato protagonista, come membro del “gruppo di Milano” della discussione e dell’elaborazione di una nuova Costituzione che prevedeva un esecutivo più forte”.
Grande la soddisfazione da parte del professore: “Appartengo ad una famiglia milanese fin dal ‘700: a mio padre e a mio nonno (rispettivamente docente universitario e preside di una scuola intitolata alla mia famiglia) è anche intitolata una strada. Inoltre, mio nonno è stato Presidente del Touring Cub Italiano negli anni compresi tra il 1925 e il 1935”.
Una storia familiare ricca ed intensa, ma anche un curriculum fittissimo per Giovanni Bognetti, professore ordinario dal 1962 con alle spalle incarichi come docente di Diritto Comparato, Diritto Costituzionale e Filosofia del Diritto in diversi atenei italiani.
Negli Stati Uniti ha insegnato a lungo nei Department of Political Science delle Università di Virginia e Notre Dame e nelle Law School di Case Western Reserve, Berkeley (California) e Columbia (New York). Nel 2002 ha conseguito la medaglia d’oro del Presidente della Repubblica per i benemeriti della cultura. Ha pubblicato oltre 150 articoli in riviste giuridiche e politiche italiane e straniere e una ventina di volumi.
E’ tra i docenti decani dell’Università LIUC, presso la quale insegna fin dalla sua nascita, nel 1991.

Castellanza, 16 dicembre 2010

lunedì 13 dicembre 2010

Dall’Università di San Pietroburgo alla LIUC, per una settimana intensiva tra lezioni e visite aziendali

Studenti russi in visita alla LIUC

Dall’Università di San Pietroburgo alla LIUC,
per una settimana intensiva tra lezioni e visite aziendali

Nei giorni scorsi l’Università Carlo Cattaneo – LIUC ha ospitato un gruppo di 15 studenti dell’Università di San Pietroburgo, per una settimana full immersion tra lezioni (a contatto con gli studenti LIUC e con altri stranieri presenti presso l’ateneo) e visite aziendali.
In particolare, il gruppo ha seguito alcune lezioni in lingua inglese della laurea magistrale in Economia Aziendale (Global Markets and Economic Policies, International Marketing, International strategy and multinational corporation) e di quella in Ingegneria Gestionale (Managing Innovation Lab#ID e The challenging role of energy manager).
“Il nostro impatto con l’Università - raccontano - è stato assolutamente positivo e abbiamo apprezzato molto il programma intensivo che è stato pensato apposta per noi. Quanto alle lezioni, ci ha colpito l’approccio estremamente concreto e pragmatico, già orientato alle applicazioni di quanto si studia nella professione. Tra le lezioni più interessanti, quella sull’Energy Management e quella dedicata alla Radio Frequency Identification. Molte sono state anche le attività svolte in gruppo, come ad esempio una comparazione tra i siti web di due importanti marche”.
Numerose le visite ad aziende della zona associate all'Unione degli Industriali della Provincia di Varese. Non sono mancati poi momenti di svago organizzati dall'Associazione ESN (Erasmus Student Network), che promuove la mobilità studentesca, attraverso un servizio di informazione e sostegno diretto a studenti in partenza o in arrivo.
La visita si inserisce nell'ambito della convenzione sottoscritta tra la LIUC e l'Università di San Pietroburgo: è già in programma infatti una seconda visita di un altro gruppo di studenti provenienti da questa Università tra gennaio e febbraio. Inoltre, nei prossimi mesi è prevista anche la partenza di due studenti LIUC per San Pietroburgo, dove trascorreranno un semestre.

Castellanza, 13 dicembre 2010

lunedì 29 novembre 2010

“I PDT nelle e i PDTA nelle organizzazioni sanitarie – Possibili scenari per la sanità pubblica del futuro”

Alla LIUC un convegno promosso dal Centro di Ricerca in Economia
e Management in Sanità e nel Sociale (CREMS)

“I PDT nelle e i PDTA nelle organizzazioni sanitarie –
Possibili scenari per la sanità pubblica del futuro”

Un progetto di ricerca incentrato sullo studio degli effetti derivanti dall’applicazione dei Percorsi Diagnostico Terapeutici (PDT) e dei Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA): sarà questo l’argomento del convegno in programma per giovedì 2 dicembre presso l’Università Carlo Cattaneo – LIUC.

Il Convegno nasce con l’obiettivo di discutere i principali risultati di questo progetto condotto dal Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità e nel Sociale (CREMS) e finanziato dalla Fondazione Comunitaria del Varesotto, finalizzato allo studio degli effetti derivanti dall’applicazione dei PDT e PDTA sull’efficienza dei servizi socio-sanitari, sulla riduzione del rischio clinico e sul miglioramento della qualità e/o della continuità assistenziale.

I PDT e i PDTA, che consistono nell’identificazione di percorsi clinico-assistenziali ottimali sia dal punto di vista dell’organizzazione spazio-temporale, sia dal punto di vista dei ruoli esercitati dai diversi professionisti coinvolti, stanno oggi trovando crescente applicazione come possibile risposta all’esigenza delle aziende sanitarie di innalzare il livello qualitativo delle prestazioni erogate in condizioni di sostanziali isorisorse.
A partire dai risultati della ricerca, consistita in un’approfondita e strutturata meta-analisi della letteratura internazionale accreditata in materia, il convegno intende alimentare il dibattito ancora aperto circa il reale funzionamento di queste leve organizzative, offrendo alcuni spunti di riflessione che possano essere di ausilio ai professional ed ai manager della sanità.

A chiudere i lavori sarà l’Assessore alla Sanità della Regione Lombardia, Luciano Bresciani.

A seguire, il programma dettagliato della giornata.

Castellanza, 25 novembre 2010






PROGRAMMA DELLA GIORNATA

9:15 Apertura lavori
Davide Croce
Direttore CREMS, Università Carlo Cattaneo – LIUC

9:30 L’impegno della Fondazione Comunitaria del Varesotto a sostegno della ricerca in ambito sanitario
Luca Galli
Presidente Fondazione Comunitaria del Varesotto ONLUS

9:45 I PDT e PDTA come strumenti di Clinical Governance
Davide Croce
Direttore CREMS, Università Carlo Cattaneo – LIUC

10:15 Condizioni di successo per l’implementazione dei PDT e PDTA: una meta-analisi della letteratura internazionale di riferimento
Antonio Sebastiano e Maddalena Castiglioni Rusconi
CREMS, Università Carlo Cattaneo – LIUC

10:45 Lo sviluppo di PDT e PDTA e il contesto aziendale
Angelo Carenzi
Presidente Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita

11:15 Coffee break

11:30 Tavola rotonda

PDT e PDTA per la sanità pubblica: quali implicazioni e quali scenari?
Walter Bergamaschi
Direttore generale A.O. Ospedale di Circolo Fondazione Macchi
Armando Gozzini
Direttore Generale A.O. S. Antonio Abate di Gallarate
Pierluigi Zeli
Direttore Generale ASL della Provincia di Varese
Pietro Zoia
Direttore Generale A.O. Ospedale di Circolo di Busto Arsizio
moderatore: Davide Croce
Direttore CREMS, Università Carlo Cattaneo – LIUC

12:45 Discussione e chiusura lavori
Luciano Bresciani
Assessore alla Sanità Regione Lombardia

Riciclaggio e legalità: se ne parla alla LIUC con Pier Luigi Maria Dell’Osso, Procuratore Nazionale Antimafia Aggiunto

Il prossimo mercoledì 1 dicembre 2010 alla LIUC

Riciclaggio e legalità: se ne parla alla LIUC con
Pier Luigi Maria Dell’Osso,
Procuratore Nazionale Antimafia Aggiunto


Si palerà di riciclaggio mercoledì 1 dicembre dalle ore 14.00 all’Università Carlo Cattaneo – LIUC, con Pier Luigi Maria Dell’Osso, Procuratore Nazionale Antimafia Aggiunto.

L’incontro, al quale interverranno anche il professor Mario Zanchetti, Preside della Facoltà di Giurisprudenza della LIUC e il Prof. Gianluca Varraso, Associato di Diritto Processuale Penale alla LIUC, è organizzato da ELSA Castellanza in collaborazione con l’Associazione dei laureati LIUC Alumni.
ELSA, acronimo di European Law Students’ Association, è un’organizzazione internazionale costituita da studenti di Giurisprudenza e da giovani laureati che da sempre persegue la finalità di contribuire alla formazione giuridica teorico-pratica ed alla crescita professionale dei giovani giuristi, in un clima di apertura nei confronti degli ordinamenti stranieri. È attiva alla LIUC dal 2001 ed ha sempre mostrato interesse per i temi giuridici di maggiore attualità, promuovendo convegni, seminari e tavole rotonde.

L’incontro intende mettere a fuoco il reato di riciclaggio, che genera gravi distorsioni nel ciclo economico alterando i normali meccanismi di accumulo della ricchezza e di approvvigionamento delle fonti di finanziamento.

Castellanza, 26 novembre 2010

Ponti e UniCredit incontrano gli studenti LIUC

Nuovo appuntamento con i Career Day della LIUC

Ponti e UniCredit
incontrano gli studenti LIUC

Il ciclo di incontri “Career Day” a cura dell'Università Carlo Cattaneo – LIUC attraverso il Servizio Relazioni Esterne e Placement, torna con un nuovo appuntamento

martedì 30 novembre 2010
alle ore 9.30 in aula C229

Protagonisti dell’incontro, Ponti Spa e UniCredit.

PONTI SPA
L’atto di matrimonio di Giovanni Ponti, datato 1867, indicava la sua professione: produttore di aceto e di vino. Questo è l’inizio della Ponti.
Oggi, grazie all’impegno di cinque generazione, Ponti è ancora un’azienda di famiglia, completamente italiana.
Grazie a sei stabilimenti ubicati in Italia, continua a produrre aceto di vino, ma anche di mele, aceto balsamico di Modena IGP, condimenti a base di aceto, verdure conservate con il marchio Peperlizia Ponti, succhi e marmellate da frutta biologica con il marchio Achillea.
Ponti è oggi leader di mercato in Italia in ogni segmento del settore aceto con quote del 50%, è il secondo player nel mercato verdure sottolio e sottaceto, leader di mercato nei condimenti per riso e pasta, peperoni e cipolle in agrodolce, carciofi sottolio; esporta in 70 paesi, impiega 185 collaboratori e la stima di fatturato per l’anno 2010 è di € 125 milioni.

UNICREDIT
UniCredit è la banca leader in Europa con 162,000 dipendenti in 22 paesi. Il Gruppo si contraddistingue per un forte radicamento territoriale e per una distintiva identità europea favorita dalla sua estensione internazionale che gli garantisce un’ampia base di clientela. Il suo posizionamento strategico e geografico sull’intero territorio europeo ha consentito il raggiungimento di una delle maggiori quote di mercato.
UniCredit è alla ricerca di giovani che abbiano una naturale predisposizione al cambiamento, l’apprendimento e le opportunità di sviluppo in una realtà internazionale come quella in cui opera. All’interno del Gruppo si offrono molteplici possibilità di percorsi professionali e manageriali, in Italia e all’estero, a giovani orientati al risultato, flessibili e molto motivati, con doti di leadership, creatività e capacità comunicativa.
Tra le varie società del Gruppo, UniCredit Global Information Services (UGIS) è la Global ICT Company di UniCredit con 19 sedi distribuite in 8 paesi europei (Austria, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Italia, Ungheria, Germania, Polonia, Slovacchia) che supporta le Banche del gruppo.

Castellanza, 25 novembre 2010

giovedì 25 novembre 2010

GIORNATA DELLO STUDENTE PROMOSSA DALLA FAMIGLIA LEGNANESE

Domenica 28 novembre all’Università Cattaneo

GIORNATA DELLO STUDENTE
PROMOSSA DALLA FAMIGLIA LEGNANESE

Per il secondo anno sarà l’Università Carlo Cattaneo – LIUC a fare da cornice al tradizionale appuntamento con la Giornata dello Studente a cura della Fondazione Famiglia Legnanese, per la consegna delle borse di studio destinate a studenti delle Università Carlo Cattaneo – LIUC, Luigi Bocconi, Cattolica Sacro Cuore, Politecnico, Statale di Milano, Insubria e delle scuole di Legnano, Parabiago, Villa Cortese, Castano Primo, Gorla Minore, Centro Salesiano S.Domenico Savio di Arese, Scuola di Notariato della Lombardia.
L’appuntamento è per domenica 28 novembre 2010 dalle ore 9,30
L’iniziativa, giunta alla sua 24°esima edizione, rappresenta un importante momento di incontro tra i donatori delle borse di studio (la stessa Fondazione, la Provincia di Milano, il Comune di Legnano, la Banca di Legnano – Gruppo Bipiemme, la Banca Popolare di Milano, la Fondazione Comunitaria Ticino Olona, aziende e privati cittadini): in particolare, quest’anno saranno 198 gli studenti che riceveranno la borse di studio, di cui 45 iscritti all’Università Cattaneo, per un totale di 376.000,00 Euro.
Un impegno, quello della Famiglia Legnanese a supporto della formazione delle nuove generazioni, che si realizza fin dal 1987, primo anno operativo del sodalizio: da allora al 2009 la Fondazione ha assegnato 2200 borse di studio pari a 4.025.780,50 Euro.
In occasione di questa edizione della Giornata dello Studente interverranno il Rettore della LIUC Andrea Taroni, il Presidente della Fondazione Famiglia Legnanese Luigi Caironi, il Sindaco di Legnano Lorenzo Vitali, il Rettore del Collegio Arcivescovile “Rotondi” di Gorla Minore Don Luigi Ferè , il Presidente della Banca di Legnano Enrico Corali. La prolusione della giornata sarà tenuta da Don Ferdinando Citterio, Docente di Dottrina Sociale della Chiesa presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Castellanza, 25 novembre 2010

mercoledì 24 novembre 2010

“Le competenze del consulente di management: come acquisirle, mantenerle aggiornate e riconoscerle”

L’Università LIUC si confronta con il mondo della consulenza
al convegno di APCO – Assoconsult

“Le competenze del consulente di management:
come acquisirle, mantenerle aggiornate e riconoscerle”

Lunedì 29 novembre 2010 - ore 15.00
presso Unione Commercio, C.so Venezia 49 - Milano

Il professor Aurelio Ravarini docente della Facoltà di Ingegneria dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC, e coordinatore del Percorso di Eccellenza in Business Consulting, compreso nella Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, sarà relatore al convegno organizzato da APCO (Associazione Professionale Italiana dei Consulenti di Direzione e Organizzazione) e Assoconsult su “Le competenze del Consulente di Management: come acquisirle, mantenerle aggiornate e riconoscerle”, che si terrà il prossimo lunedì 29 novembre 2010 a Milano (Unione Commercio, C.so Venezia 49 - Milano, ore 15.00 – 18.30).

In questo contesto, che pone a confronto i protagonisti della consulenza e dell’università sui connotati distintivi del consulente di management, il professor Ravarini affronterà dal suo punto di vista di accademico la formazione dei professionisti della consulenza, in particolare attraverso l’esperienza del percorso formativo nato all’interno della Facoltà di Ingegneria per rispondere alle esigenze del mondo della consulenza.
Il Percorso di Eccellenza in Business Consulting è stato infatti progettato per formare in modo specialistico e mirato i laureati già all’interno degli studi universitari, fornendo le competenze critiche e gli strumenti di base della consulenza, in modo da rendere il loro impiego più velocemente produttivo nei progetti di consulenza, garantendo nel contempo al mercato competenze sempre più allineate alle nuove esigenze dei clienti.
Il professor Ravarini è impegnato anche sull’altro tema chiave individuato dalle associazioni di riferimento del mondo della consulenza, ovvero l’aggiornamento e la formazione continua dei loro professionisti. Nel suo ruolo di Direttore del CETIC (il Centro di Ricerca per l'Economia e le Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione della LIUC) ha infatti coordinato un progetto europeo che ha permesso di sviluppare e sperimentare una metodologia a supporto dei programmi di long-life learning che ora il CETIC impiega in progetti commissionati da diverse organizzazioni,.

La partecipazione al convegno è gratuita, previa registrazione: Segreteria APCO tel. 02 7750.449, email: segreteria@apcoitalia.it.

A seguire il programma dettagliato della giornata.


Ufficio Comunicazione e Immagine Università Carlo Cattaneo – LIUC, Telefono 0331.572.541, Fax 0331.480746, fzeroli@liuc.it; CETIC - Università Carlo Cattaneo – LIUC, Paola Negrin, Telefono 0331.572.226, pnegrin@liuc.it


Castellanza, 22 novembre 2010




Programma
Ore 15.00

Introduce e modera:
Francesco D’Aprile
CMC, Vice-presidente ICMCI

Le competenze del consulente nel terzo millennio
Ing. Marco Feltrami
CMC, Presidente APCO

Prof. Michelle Mielly
Direttore MSc in Management Consulting, Grenoble Graduate School of Business (webconference)

Prof. Aurelio Ravarini
Coordinatore del Percorso di Eccellenza in Business Consulting, Università Carlo Cattaneo - LIUC

Criteri di selezione, reclutamento e inserimento dei consulenti
Emanuele Odazio
Direttore Risorse Umane, Deloitte Consulting
Prof. Paolo Maccarrone
Direttore Executive MBA, Politecnico di Milano e MIP

Testimonianza sul processo formativo nell’attività professionale
Ing. Giuseppe Lo vecchio
CMC

Coffee Break

Dibattito internazionale su management e consulenza
Enrico Sassoon
Direttore Harvard Business Review Italia

Take yourself & your English one step further
Nicole Faye Chesworth
National Project Designer, Shenker

Testimonianza sull’aggiornamento professionale del consulente
Diane Fryman, CMC

La gestione delle competenze in una società di consulenza
Marina Montironi
Amministratore Delegato RSO

Migliorare facendo, ascolto e rispecchiamento
Ing. Giuseppe Pitotti
Vice-presidente Assoconsult

martedì 23 novembre 2010

Universita' Aperta alla LIUC

Vieni a conoscere la tua Università il prossimo mercoledì 1 dicembre

Universita' Aperta alla LIUC

Torna alla LIUC l'iniziativa "Università Aperta", prevista per il prossimo mercoledì 1 dicembre 2010.

La giornata è particolarmente dedicata agli interessati alle lauree magistrali in Economia Aziendale e Ingegneria Gestionale e all’approfondimento dei diversi percorsi proposti.

Presso i LIUC Point sarà inoltre possibile avere informazioni dettagliate sui servizi d'eccellenza dell'Università Cattaneo: le Relazioni Internazionali, che vantano collaborazioni con 93 università straniere in 34 Paesi nel mondo, il Servizio Relazioni Esterne e Placement, che fornisce stage agli studenti durante il periodo degli studi e accompagna i laureati nella ricerca del lavoro, il Diritto allo Studio, che nel 2010 ha erogato oltre 1.650.000 di Euro in borse di studio e contributi; il progetto Skills&Behaviour per affrontare la vita e il lavoro con maggior consapevolezza, padronanza di abilità e comportamenti e poi la Biblioteca, le dotazioni informatiche a supporto dello studio, il Centro Linguistico, le Attività Extradidattiche con le relative squadre sportive, le Associazioni studentesche. Sarà anche possibile visitare gli edifici della LIUC, la Residenza Universitaria interna al Campus con i suoi 440 posti letto, per conoscere i luoghi dedicati all'attività didattica, allo studio, alla ricerca e al divertimento.
Alcuni studenti universitari saranno a disposizione per rispondere a domande sui corsi di laurea magistrali e per rispondere alle curiosità dei visitatori.
I docenti della LIUC sono a disposizione per ricevere gli studenti su appuntamento, un'occasione importante di approfondimento del corso di laurea che si intende frequentare.


Informazioni e iscrizioni:
Servizio Orientamento e Rapporti con le scuole
Telefono 0331 572.300 Fax 0331 572.425
Mail: orientamento@liuc.it
www.liuc.it

Castellanza, 23 novembre 2010


REGISTRAZIONE
Dalle 9.30 alle 12.30 – Atrio ingresso principale Edificio Aule
LIUC-POINT
Dalle ore 9.30 alle 12.30 - Atrio secondo piano Edificio Aule
• Borse di studio
• Stage e placement
• Relazioni internazionali
• Economia Point
• Ingegneria Point
VISITA GUIDATA della LIUC
Dalle ore 9.30 alle ore 12.30
Piccoli gruppi di studenti verranno accompagnati all’interno del Campus dell’Università.
STUDENT-POINT – Desk Facoltà
Dalle ore 9.30 alle 12.30
Studenti LIUC rispondono alle domande su studi e vita universitaria.
Corsi di laurea magistrale
Presentazione degli orientamenti
ECONOMIA AZIENDALE
Ore 10.00 - Aula C228
• Amministrazione aziendale e libera professione
• Economia e direzione d'impresa
• Banche, mercati e finanza d'impresa
• Marketing
• International Business Management (in lingua inglese)
INGEGNERIA GESTIONALE
Ore 11.00 - Aula C228
• Business Consulting
• Chimica Industriale
• Energy Management
• Lean Manufacturing
• Finanza d'Impresa e Mercati Finanziari
• International Business Management

lunedì 22 novembre 2010

Il sistema dei controlli nelle Residenze Sanitarie Assistenziali: rapporti di lavoro e standard gestionali

Quarto convegno annuale dell’Osservatorio sulle RSA

Il sistema dei controlli nelle Residenze Sanitarie Assistenziali:
rapporti di lavoro e standard gestionali

Al compimento del suo 5° anno di età, l’Osservatorio Settoriale sulle RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali), istituito nel 2006 presso l’Università Carlo Cattaneo – LIUC, conta ben 61 RSA iscritte, rappresentative di circa 8.050 posti letto autorizzati ed oltre 7.500 posti accreditati, confermandosi un virtuoso esempio di benchmarking in ambito socio-sanitario sia a livello regionale, sia a livello nazionale.
Il 4° convegno annuale dell’Osservatorio, dal titolo “Il sistema dei controlli in RSA: rapporti di lavoro e standard gestionali”, si terrà il prossimo giovedì 25 novembre 2010 dalle ore 9.15.

Al centro, il tema del sistema dei controlli a cui queste unità di offerta sono sottoposte, con particolare riferimento ad alcune problematiche connesse al rapporto di lavoro ed agli standard gestionali previsti dall’accreditamento al Sistema Sanitario Regionale.
Interverranno al convegno, in qualità di relatori, esponenti di spicco dei diversi enti istituzionali che hanno prerogative di controllo verso le RSA, nella convinzione che il confronto dialettico e culturale tra “controllori” e “controllati” possa rappresentare un’importante occasione di crescita per tutti gli attori coinvolti.
Grazie alla ricchezza dei temi trattati, il convegno non si rivolge solo agli addetti ai lavori, ma può essere di interesse anche per tutti gli stakeholder che direttamente o indirettamente gravitano in ambito socio-sanitario.

A seguire, il programma dettagliato della giornata

Castellanza, 22 novembre 2010


PROGRAMMA DELLA GIORNATA

9:15 Apertura lavori
Davide Croce
Direttore CREMS, Università Carlo Cattaneo – LIUC

9:30 Prima sessione: Il rapporto di lavoro in RSA
Profili di responsabilità penale nell’organizzazione delle attività socio-sanitarie: infortuni sul lavoro
e malattie professionali di lavoratori e addetti alle attività
Luca Poniz
Magistrato della Procura della Repubblica, Tribunale di Milano

Appalti e indici di genuinità nelle RSA
Marco Bellumore
Responsabile U.O. Vigilanza Ordinaria, Ispettorato del lavoro, DPL Varese

Analisi degli andamenti degli infortuni nelle RSA lombarde
Monica Pedretti
Responsabile del Processo Prevenzione INAIL di Varese

Indicatori di performance organizzativa: evidenze empiriche dall’Osservatorio
Antonio Sebastiano
Direttore Osservatorio settoriale sulle RSA, CREMS, Università Carlo Cattaneo – LIUC

11:00 Coffee break

11:15 Seconda sessione: Accreditamento e standard gestionali

L’applicazione degli standard normativi in un’ottica di miglioramento della qualità assistenziale
Ester Poncato
Direttore Dipartimento ASSI, ASL di Varese

Minutaggi e standard di personale: le evidenze dell’ASL Milano 1
Silvano Lopez
Direttore UOC Accreditamento e controlli strutture socio-sanitarie, ASL Milano 1

La customer satisfaction: un’opportunità per le RSA
Angelo Marsano
Responsabile Unità Operativa Anziani, ASL Monza Brianza

Standard gestionali: l’esperienza dell’ASL Milano
Laura Lanfredini
Direttore Servizio accreditamento e vigilanza area socio-sanitaria, ASL Milano

13:30 Chiusura lavori
moderatore
Marco Petrillo
Dottore Commercialista Revisore Contabile,
Presidente UNEBA della Provincia di Varese

giovedì 18 novembre 2010

Al professor Fabrizio Dallari il Premio “Logistico dell’Anno” nel settore ricerca e formazione

Importante riconoscimento per il Direttore del C – Log

Al professor Fabrizio Dallari il Premio “Logistico dell’Anno”
nel settore ricerca e formazione

Importante riconoscimento per l'impegno del C-log, Centro di Ricerca sulla Logistica dell’Università Carlo Cattaneo - LIUC nell’attività di ricerca e di formazione dei nuovi ricercatori e manager della logistica.
Durante il convegno organizzato da Assologistica (Associazione Italiana delle Imprese di Logistica) presso l'aeroporto di Malpensa, il prof. Fabrizio Dallari ha ricevuto il premio «Logistico dell'anno», giunto alla sesta edizione, nella categoria "ricerca e formazione" .
Si tratta dell'unico riconoscimento pubblico in Italia, nel campo della logistica, rivolto a manager, aziende e accademici che hanno contribuito significativamente al miglioramento della logistica italiana delle merci, con un impegno sul fronte della ricerca, dell'innovazione e della formazione.
Il prof. Fabrizio Dallari dal 2004 insegna Logistica e Supply Chain Management presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università Carlo Cattaneo LIUC e, dal 2006, è direttore del C – Log (Centro di Ricerca sulla Logistica), che promuove numerose attività sul fronte della ricerca, della divulgazione tecnico scientifica e della formazione, con l'obiettivo di rafforzare le competenze preesistenti e costituire un centro di eccellenza presso la LIUC.
«Questo riconoscimento - commenta il prof. Fabrizio Dallari - è particolarmente importante perché arriva dalla business community. Dimostra infatti che l'impegno per la ricerca e la formazione d'alto livello delle nuove generazioni di ricercatori e manager della logistica è apprezzato dal mondo delle imprese, consapevoli del ruolo sempre più strategico della logistica nel nostro Paese».

Il C-log (Centro di Ricerca sulla Logistica) dell’Università Carlo Cattaneo LIUC di Castellanza si propone come punto di riferimento nazionale per le attività di ricerca e formazione sulle tematiche inerenti il tema della logistica nel suo insieme, con riferimento sia ai processi distributivi e produttivi, sia al mondo dei servizi di trasporto e delle infrastrutture. Dalla sua nascita nel 2006, il C-Log ha lavorato su numerose attività nel settore dei sistemi logistici – produttivi e di trasporto che si sono concretizzate in progetti di ricerca finanziati, convegni di respiro nazionale, iniziative di formazione e pubblicazioni scientifiche e didattiche. Il centro può contare sul network di contatti attivato già prima della sua fondazione. Oltre alla comunità scientifica, associativa e imprenditoriale del settore e agli altri centri di ricerca della LIUC, il C-Log vanta strette collaborazioni con i principali enti, centri di ricerca e associazioni di categoria su scala nazionale e internazionale.

Fabrizio Dallari è professore associato presso l’Università Carlo Cattaneo – LIUC, dove è titolare dei corsi di Logistica e Supply Chain Management nell’ambito del corso di Laurea in Ingegneria Gestionale. E’ direttore del C-log, il Centro di Ricerca sulla Logistica della LIUC. Svolge un’intensa attività di ricerca e di consulenza nell’area dei sistemi produttivi, logistici e dei trasporti per importanti aziende ed enti nazionali. Nel 2010 è stato nominato per la seconda volta come esperto per la redazione del Piano Nazionale della Logistica in seno alla Consulta per l’Autotrasporto istituita presso il Ministero delle Infrastrutture e del Trasporti. E' membro del Comitato Scientifico delle riviste Logistica, Logistica Management e Sistemi di Logistica, dell'Academic Board dell'ELA ed è autore di oltre 150 pubblicazioni scientifiche nazionali ed internazionali e di 5 libri. Nel 2010 ha ricevuto l’idoneità per professore universitario di prima fascia, a seguito di un concorso nazionale.

Castellanza, 18 novembre 2010

mercoledì 17 novembre 2010

“Crea la tua impresa”: iscriviti al Business Game della LIUC

Ottava edizione del Business Game “Crea la tua impresa”
dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC

“Crea la tua impresa”: iscriviti al Business Game della LIUC

Gestire un’impresa? Un gioco da ragazzi! Torna per l’ottavo anno il Business Game “Crea la tua impresa” promosso dall’Università Carlo Cattaneo –LIUC in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia: un gioco di simulazione aziendale strategica in cui ogni squadra ha il compito di gestire la propria impresa competendo con le altre in un unico mercato. Il progetto, rivolto agli studenti iscritti al IV e V anno degli Istituti Tecnici e dei Licei, è un interessante esempio di learning by doing, interattivo e innovativo, inserito nel programma ministeriale teso a individuare e valorizzare le eccellenze degli studenti.
Le squadre partecipanti saranno chiamate a sfidarsi in prove che richiederanno capacità logica, visione strategica, spirito di gruppo e voglia di mettersi in gioco.

Un’opportunità concreta e divertente per avvicinarsi al mondo dell’azienda e dell’università, testando sul campo la gestione di un intero anno di vita dell’azienda, a partire dall’analisi delle informazioni disponibili sullo stato del mercato, per arrivare ad assumere decisioni di carattere strategico per la gestione dell’attività in questione.
Obiettivo del gioco, massimizzare il valore dell’impresa, considerato come parametro complessivo valutato in funzione di vari indicatori, come il margine operativo, le politiche di assunzione, il tasso di crescita degli investimenti e i risultati finanziari.
Le prime tre prove saranno disputate via web, giocando direttamente dalle sedi delle scuole; l’ultima, prevista per venerdì 25 marzo 2011, si terrà invece presso l’Università Carlo Cattaneo- LIUC.
Le iscrizioni sono aperte fino al 16 dicembre prossimo.

Informazioni ed iscrizioni sono disponibili sul sito www.liuc.it/businessgame; il Business Game è anche su Facebook.

Il Business Game è realizzato grazie al supporto di Credito Valtellinese.

Castellanza, 17 novembre 2010

lunedì 15 novembre 2010

Bain & Company e AIGI (Associazione Italiana Giuristi d’Impresa) incontrano gli studenti LIUC

Domani appuntamento con i Career Day della LIUC

Bain & Company e AIGI (Associazione Italiana Giuristi d’Impresa)
incontrano gli studenti LIUC

Il ciclo di incontri “Career Day” a cura dell'Università Carlo Cattaneo – LIUC attraverso il Servizio Relazioni Esterne e Placement, torna con un nuovo appuntamento domani,

martedì 16 novembre 2010
alle ore 14.30 in aula C229

Protagonisti dell’incontro, Bain & Company e AIGI (Associazione Italiana Giuristi d’Impresa).
Per Bain & Company saranno presenti Roberto Nava (Partner), Luca Bocchio (Associate Consultant), Mattia Riva (Associate Consultant) e Simona Comolli (Manager HR).
Per AIGI interverranno invece l’Avv. Emiliano Nitti (Responsabile territoriale Lombardia e Liguria, General Counsel Clessidra SGR S.p.A.), l’Avv. Marco Tajana (Socio AIGI, General Counsel Tenaris S.p.A.) e l’Avv. Enzo Pulitanò (Presidente Emerito AIGI, Coordinatore Didattico della Scuola Nazionale di Specializzazione per Giuristi d’Impresa, of Counsel Pedersoli e Associati, già Direttore Affari Legali e Societari RCS MediaGroup S.p.A.). Sarà presente anche il professor Mario Zanchetti, Preside della Facoltà di Giurisprudenza.

Bain & Company Spa è nata nel 1989 ed è oggi leader in Italia nella consulenza strategica e organizzativa, con una squadra di 350 professionisti.
Il network internazionale Bain consente di fare leva su una vastissima esperienza di gestione di clienti e progetti a livello multinazionale e di sviluppare best practices, ricerche e banche dati su scala internazionale.

L’A.I.G.I. (Associazione Italiana Giuristi d’Impresa) è stata costituita nel 1976 e raccoglie ad oggi circa 1.000 associati fra le Direzioni e gli Uffici Legali delle più importanti aziende italiane.
E’ un’associazione apolitica, senza scopo di lucro, che promuove il riconoscimento e l’affermazione della figura del Giurista d’Impresa, tutt’ora privo di uno specifico status professionale in Italia. In particolare, prima in Europa fra le associazioni di categoria, ha creato una Scuola Nazionale di Specializzazione per Giuristi d’Impresa, accreditata dall’Ordine degli Avvocati di Milano, che si avvia ad iniziare il settimo anno di attività. Collabora da tempo con Università, Istituti e Società di formazione nella realizzazione di corsi per Giuristi d’Impresa.

Castellanza, 15 novembre 2010

giovedì 11 novembre 2010

Giornata Europea della Giustizia Civile

Lunedì 15 novembre 2010 dalle ore 11.00

Giornata Europea della Giustizia Civile

Nell’ambito delle iniziative dedicate alla Giornata Europea della Giustizia Civile, celebrata il 25 ottobre e istituita nel 2003 per "promuovere l'operato della Commissione europea e del Consiglio d'Europa in materia di giustizia civile, attraverso simulazioni di procedure e sessioni d'informazione destinate a cittadini, studenti e professionisti della giustizia", si conferma l’appuntamento organizzato dall’Università Carlo Cattaneo – LIUC in collaborazione con il Tribunale di Busto Arsizio.

Protagonista dell’incontro, rivolto agli studenti della LIUC, il Presidente della Seconda Sezione Civile del Tribunale di Busto Arsizio, dott. Carmelo Leotta. L’appuntamento è per lunedì 15 ottobre 2010 dalle ore 11.00 alla LIUC.

Castellanza, 11 novembre 2010

martedì 9 novembre 2010

Giornate del cinema industriale, 10a edizione

Giornate del cinema industriale, 10a edizione
Fabbricato dall'uomo.
Chimica e modernizzazione in Italia
18 novembre 2010 – ore 15.00, Auditorium
Università Carlo Cattaneo – LIUC, Castellanza (VA)
L'iniziativa, che si colloca all'interno del programma eventi della Settimana della cultura
d'impresa 2010, continua la tradizione delle Giornate del cinema industriale, il principale
evento organizzato, con cadenza annuale, dall'Archivio del cinema industriale e della
comunicazione d'impresa, presso l'Università Carlo Cattaneo – LIUC.
L'edizione 2010 sarà interamente dedicata alla storia dell'industria chimica, analizzata non
tanto dalla prospettiva della produzione, quanto da quella dei cambiamenti indotti nelle
abitudini di consumo grazie all'introduzione dei prodotti chimici.
Il convegno – che vedrà un'alternanza di relazioni e di proiezioni di filmati industriali dagli
anni quaranta a oggi – toccherà alcuni degli snodi dell'evoluzione del rapporto tra imprese,
consumatori e industria chimica nella seconda metà del Novecento, come l'impatto sul
sistema moda dell'introduzione delle fibre artificiali e le trasformazioni nell'ambito del
design stimolate dalla diffusione della plastica.
La giornata di studio prevede anche la presentazione di testimonianze sulle problematiche
e sull'evoluzione storica del settore nel territorio varesino.
Programma :
Apertura dei Lavori
Andrea Taroni, Rettore Università Carlo Cattaneo – LIUC
Et si on arretait la chemie?
(regia: G.E.S. Ghisolfi, Unione des Industries Chimique, 2005)
Chimica e modernizzazione in Italia e in Lombardia
Edoardo Borruso, Università commerciale Luigi Bocconi
Sette canne un vestito
(regia: M. Antonioni, SNIA, 1949)
Made-man fibers e Made in Italy
Anna Maria Falchero, Direttore Archivio del cinema industriale
Forma e formula
(regia: G. Cecchinato, Montedison, 1970)
Plastica e design: gli oggetti della vita quotidiana
Raimonda Riccini, Università IUAV di Venezia
La canzone del polistirene
(regia: A. Resnais, Pechiney, 1958, traduzione I. Calvino per Montedison
Cultura)
Testimonianza: 100 anni di chimica alla Lamberti
Paolo Lamberti, Presidente Università Carlo Cattaneo - LIUC e
Vicepresidente Federchimica
Vivere senza la chimica?
(regia: M. Scordo, Federchimica, 2007)

lunedì 8 novembre 2010

PRESENTATO IL PRIMO RAPPORTO SUL TURNAROUND IN ITALIA SU UN CAMPIONE DI 6.704 IMPRESE CON VOLUMI DI RICAVI TRA 20 E 200 MLN DI EURO, IL 40% E’ IN POTE

COMUNICATO STAMPA
PRESENTATO IL PRIMO RAPPORTO
SUL TURNAROUND IN ITALIA
SU UN CAMPIONE DI 6.704 IMPRESE
CON VOLUMI DI RICAVI TRA 20 E 200 MLN DI EURO,
IL 40% E’ IN POTENZIALE CONDIZIONE DISTRESSED

Milano, 8 novembre 2010 – Presentato oggi a Milano il Turnaround Monitor – TaM®, il
primo Osservatorio relativo alle operazioni di ristrutturazione aziendale poste in essere in
Italia da parte di investitori istituzionali in capitale di rischio. L’Osservatorio, attivo presso
l’Università Carlo Cattaneo – LIUC di Castellanza, è nato grazie al contributo di
Orlando Italy, fondo di private equity dedicato alle special situations.
I risultati principali
Le conclusioni a cui è giunta la ricerca sono una fotografia precisa dello stato di disagio in
cui versa l’imprenditoria in Italia: considerando un campione di 6.704 imprese con volumi
di ricavi nel 2009 tra i 20 e i 200 milioni di euro, la percentuale totale di quelle in potenziali
condizioni distressed, con un rapporto debito / EBITDA >5 o addirittura negativo, è
risultata essere circa il 40%, pari a 2.550 società. Di queste, 277 (4%) sono risultate non in
grado di far fronte al pagamento degli interessi.
Il 66% di queste imprese risiede tra Lombardia (100), Veneto (30) ed Emilia Romagna (54)
mentre la loro totalità rappresenta un fatturato aggregato di oltre 13 miliardi di Euro per
una perdita netta di circa 1,5 miliardi di Euro nel 2009. La perdita aggregata a livello di
EBITDA è pari a 600 milioni di Euro. Questo significa che l’indebitamento è costato a
queste imprese circa 900 milioni di Euro nel corso del 2009.
E’ risultato evidente anche come ci sia stato un peggioramento del profilo
economico/finanziario delle imprese tra il 2008 e il 2009. Sulla base dello stesso campione,
infatti, erano solo 1.542 le società in potenziali condizioni critiche nel 2008. Questo
significa che, tra il 2008 e il 2009, 1.000 aziende hanno peggiorato il proprio profilo.
Sono infine 155 le imprese che potrebbero in futuro trovarsi in situazioni critiche.
“Il private equity specializzato negli interventi in aziende che si trovano in fase di crisi
finanziaria può avere un ruolo fondamentale perché interviene immettendo nuovo capitale”
ha detto Enrico Ceccato, Managing Partner di Orlando Italy Management SA. “Un
capitale che deve però poter lavorare realmente per il futuro dell’impresa e non essere
destinato a ripagare gli errori delle gestioni precedenti. In Italia esistono gli strumenti
giuridici perché questo avvenga e fanno riferimento alla nuova legge fallimentare del 2007,
che ha rivisto e migliorato la precedente normativa introducendo istituti innovativi e
riformulati, con lo scopo di favorire una composizione negoziale della crisi, non più
orientata esclusivamente alla tutela del ceto creditorio, ma anche e soprattutto all’impresa in
difficoltà, mirando alla salvaguardia dei suoi valori produttivi anche se in forma diversa o
più ridotta a seguito dell'intervento di risanamento. Come nel caso di Favini, una realtà
storica nel mercato delle carte speciali. Dopo la messa in liquidazione, l’azienda è potuta
ripartire grazie all’intervento del fondo Orlando Italy con il ricorso al concordato
preventivo ed è oggi tra i leader in Europa nelle carte grafiche speciali e release".
La ricerca
L’obiettivo dell’attività di ricerca dell’Osservatorio è quello di indagare le dinamiche alla
base delle situazioni distressed nelle aziende target partecipate, le caratteristiche tipo degli
investimenti realizzati, le loro modalità di origination nonché la quantificazione e l’analisi
del profilo evolutivo del mercato italiano per questa tipologia di investimento.
Nello specifico, la prima edizione del Rapporto di ricerca si compone di tre parti principali:
1. l’analisi degli investimenti di Turnaround realizzati nel quinquennio 2004-2009 in Italia;
2. lo stato dell’arte sul trend delle procedure concorsuali in Italia;
3. l’analisi di un campione di imprese del Mid-Market, al fine di individuarne potenziali
situazioni distressed.
Il segmento del Turnaround rappresenta ancora ad oggi una nicchia del mercato del private
equity, pari a circa il 6% medio del numero totale degli investimenti 2004-2009; un dato,
questo, che dimostra come tale tipologia di investimento non abbia ancora conquistato le
quote di mercato ipotizzate in passato, anche alla luce della Riforma fallimentare del 2006
che sembrava aver gettato le basi per lo sviluppo di questa particolare forma di
investimento.
Tra le 33 operazioni concluse nel quinquennio in oggetto, escludendo un solo Write-off, le
imprese partecipate risultano essere ancora in attività; 8 di queste sono già state disinvestite
prevalentemente attraverso la vendita ad altre imprese (Trade sale). Questa evidenza si fa
portavoce dell’effettivo contributo dei fondi alla ripresa delle imprese in difficoltà durante il
periodo di detenzione della partecipazione, senza il quale sarebbe stato pressoché
impossibile vendere tali società a terzi soggetti industriali.
Sotto il profilo della deal origination, da un lato si osserva come gli investimenti abbiano
avuto origine da iniziativa privata o da cessione di rami d’azienda; dall’altro, emerge come
più del 53% dei deal sia stato concluso dagli operatori in presenza di situazioni critiche
d’impresa, ma, in ogni caso, prima che l’azienda target fosse sottoposta a procedura
concorsuale. A seguire, con il 22%, le operazioni chiuse nell’ambito di amministrazioni
straordinarie di grandi imprese in crisi e con il 16% i fallimenti.
Questa caratterizzazione assume maggior significato se si osserva nel complesso il profilo
tipico tracciato per gli investimenti di Turnaround realizzati nel quinquennio, dal quale
emerge un altrettanto importante criterio decisionale nella scelta delle partecipate: gli
investitori hanno optato per società operanti nel settore dei beni di consumo e, nella
maggior parte dei casi, in presenza di una forte brand awareness, ovvero di una
riconoscibilità del marchio a sostegno del commitment del fondo. Tra queste alcuni esempi
possono essere rappresentati da Moncler, Gio Style, Allegri, Cirio e Conbipel.
Sotto il profilo della concentrazione del mercato, si contano 26 operatori attivi per 38
investimenti, su un totale di 33 aziende target, il che equivale a un 13% di operazioni
realizzate in sindacato. Ai soli primi 8 operatori fa riferimento il 50% dell’attività
d’investimento; mentre ai restanti 18 investitori risulta attribuibile una frammentata quota
di mercato ottenuta portando a termine un’operazione ciascuno. Pochi i fondi specializzati
che hanno svolto attività d’investimento in modo continuativo e sistematico, ai quali è
riconducibile una leadership di mercato: Orlando Italy e Atlantis Capital Special Situations.
Dall’analisi emerge, pertanto, un chiaro approccio opportunistico da parte di fondi italiani
generalisti e la presenza sporadica di alcuni operatori stranieri, tra cui Oaktree Capital
Management, Cinven e Hal Investments.
La distribuzione geografica degli investimenti
La distribuzione geografica degli investimenti, concentrata prevalentemente al Nord,
sembra riflettere il trend evolutivo delle procedure concorsuali sul territorio emerso dalla
seconda parte dello studio. L’analisi dei dati disponibili, infatti, ha messo in evidenza come
l’andamento del numero delle procedure concorsuali rifletta la distribuzione del tessuto
imprenditoriale e industriale italiano: a fronte di una forte presenza di imprese nel Nord
Italia, si rileva la maggiore criticità in termini di imprese in difficoltà; in modo speculare,
Centro e Sud Italia, aree in cui la presenza di imprese decresce progressivamente, appaiono
zone non particolarmente problematiche di fronte all’aumentato livello di ricorso alle
procedere concorsuali. Sotto il profilo dello stock di procedure si nota una marcata
predominanza del fallimento, seguito, a distanza, dal concordato preventivo. Residue le
procedure di amministrazione straordinaria.
Interessante sottolineare come in questo contesto, gli investitori di Turnaround abbiano,
invece, preferito investire in imprese soggette ad amministrazione straordinaria piuttosto
che sottoposte a concordato preventivo, probabilmente godendo, in tal modo, di una
riflessa visibilità dovuta alla natura di queste aste.
Le potenziali situazioni distressed
Infine, per quanto attiene all’analisi del Mid Market, l’obiettivo è stato quello di individuare
quante potenziali situazioni distressed latenti fossero presenti in un campione di 6.704
società di capitali con un volume di ricavi nel 2009 compreso tra 20 milioni di Euro e 200
milioni di Euro. I potenziali distressed sono stati individuati sulla base delle seguenti
ipotesi: rapporto Debiti/EBITDA > 5 o negativo, rapporto Debiti/Equity >3 e grado di
copertura degli interessi passivi < 1.
Dall’applicazione di tali filtri le 6.704 imprese sono state, pertanto, scremate
rispettivamente a 2.550 società con D/EBITDA >5 o negativo, di cui 968 imprese in
presenza contemporanea di D/EBITDA >5 o negativo e D/E>3 e di cui 277 aziende
“worst performers”, ovvero, i cui financials dichiarano lo stato di emergenza anche sul
parametro di copertura degli interessi passivi.
Il 42% di queste imprese è risultato attivo nel settore del commercio all’ingrosso e al
dettaglio (116 imprese). Le restanti imprese sono risultate polverizzate da un punto di vista
settoriale. Tra queste si segnalano il 5% del settore alimentare e del terziario e il 4% del
tessile.
GRAF. 1 - ANDAMENTO DEL NUMERO DI OPERAZIONI
* Dati al 30/06/2010
GRAF. 2 – DISTRIBUZIONE PER DEAL ORIGINATION
GRAF. 3 – DISTRESSED CONCLAMATI
TABELLA 1 – PROFILO MEDIO DELLE IMPRESE DISTRESSED
Dimensione Valori
Ricavi di vendita (Mln €) 34,1
EBITDA (Mln €) -0,5
EBITDA Margin -1%
Utile d’esercizio (Mln €) -2,0
D/EBITDA Negativo
D/E 4,9
Copertura interessi 0,5
Per informazioni:
Jonathan Donadonibus
Osservatorio Turnaround Monitor – TaM®
Università Carlo Cattaneo – LIUC
Tel. 0331 572 485
E-Mail: tam@liuc.it
ACCENTO
Tel. 02 8978 531
Chiara Migliarini – c.migliarini@accento.it - 335 7874247
Annalisa Caccavale – a.caccavale@accento.it
Via Monte di Pietà, 1/A – 20121 Milano
Orlando Italy
Orlando Italy è un fondo di private equity dedicato alle special situations. E’ promosso da
Orlando Italy Management SA e da un team di professionisti e di manager industriali e
finanziari che vantano esperienze specifiche di lungo termine nella soluzione di situazioni
complesse. Orlando Italy Management Sa ha a disposizione fondi per 200 milioni di Euro
per investimenti da effettuare in Italia.
Turnaround Monitor - TaM®
Il Turnaround Monitor - TaM® è un Osservatorio nato nel 2010 presso l’Università Carlo
Cattaneo – LIUC, in collaborazione con Orlando Italy Management S.A. il cui obiettivo è
quello di individuare i principali trend di mercato definendone i possibili sviluppi futuri,
nonché, di sviluppare un’attività di monitoraggio permanente sull’attività d’investimento in
imprese in crisi. L’attività del TaM® è realizzata attraverso la pubblicazione di un rapporto
annuale, ricerche su commessa e altre iniziative di confronto tra soggetti pubblici e privati.
Università Carlo Cattaneo – LIUC
Fondata nel 1991 su iniziativa dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, ha
come punto di forza uno stretto legame con le imprese e con il mondo professionale. La
LIUC con le Facoltà di Economia, Giurisprudenza e Ingegneria, Centri di Ricerca,
Laboratori e Osservatori propone corsi di laurea e laurea magistrale, master universitari,
corsi di formazione permanente e ricerca su commessa.

venerdì 5 novembre 2010

L’innovazione e lo sviluppo del prodotto: se ne parla alla LIUC

Un incontro in collaborazione con Centromarca

L’innovazione e lo sviluppo del prodotto:
se ne parla alla LIUC

Un nuova occasione per gli studenti LIUC per affacciarsi al mondo delle imprese ed in particolare per prendere contatto con alcune grandi aziende, chiamate a confrontarsi sull’importanza del proprio brand.
L’appuntamento è per mercoledì 10 novembre 2010 alle ore 9.30 in aula Bussolati. Destinatari dell’iniziativa gli studenti del corso di Laurea in Economia Aziendale, in particolare coloro che stanno seguendo i corsi di Innovazione e sviluppo del prodotto e International Marketing.

Partner dell’iniziativa, Centromarca, associazione italiana dell'Industria di Marca alla quale aderiscono 192 imprese, tra le più importanti attive nei diversi settori dei beni di consumo immediato e durevole (alimentare, chimico per la casa e per la persona, tessile, elettrico, bricolage, giocattolo, home entertainment).
L'incontro prevede, dopo il saluto del Rettore della LIUC, Andrea Taroni, un'introduzione su "Marca, Economia e Consumi" a cura del Direttore del Centro Studi di Centromarca, Roberto Bucaneve.
Saranno poi presentati alcuni casi aziendali: Henkel, Renault Trucks, Lavazza, Kraft. Coordinano la tavola rotonda, Carolina Guerini (Professoressa di Economia e gestione d'impresa della LIUC) e Ivo Ferrario (Direttore Comunicazione di Centromarca).

A seguire, il programma dettagliato dell’incontro

Castellanza, 5 novembre 2010

Programma

Aula Bussolati
Ore 9,30 - 13,00

L'innovazione e lo sviluppo del prodotto

Apertura dei lavori
Andrea Taroni
Rettore Università Carlo Cattaneo - LIUC

Marca, Economia e Consumi
Roberto Bucaneve
Direttore Centro Studi, Centromarca

Il prodotto cosmetico e l’innovazione continua • Henkel
Michela Filippi
Brand Manager Divisione Cosmetica

Soluzioni per il trasporto sostenibile • Renaul Trucks
Roberto Sterza
Marketing Manager

Dall'idea al lancio di prodotto: il caso Philadelphia Duo . Kraft
Chiara Antoniazzi
Brand Manager Philadelphia Italia

Casi aziendali

Il mercato del caffè, tra globalizzazione degli stili di consumo e l'innovazione di prodotto . Lavazza
Riccardo Navone
Business development director

Tavola rotonda con i relatori

Coordinano:

Carolina Guerini
Professoressa di Economia e gestione d'impresa Università Carlo Cattaneo - LIUC

Ivo Ferrario
Direttore Comunicazione Centromarca

giovedì 4 novembre 2010

“Dal turnaround allo sviluppo”

Un incontro promosso dal Master Universitario in Merchant Banking
dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC
Lunedì 8 Novembre, ore 16.00, Aula C229

“Dal turnaround allo sviluppo”

Si concluderà lunedì 8 novembre la decima edizione del Master Universitario in Merchant Banking dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC e con l’occasione saranno consegnati i diplomi ai partecipanti.
Per l’occasione è stato organizzato l’incontro “Dal turnaround allo sviluppo”, nel quale è previsto un intervento di Enrico Ceccato (Managing Partner Orlando Italy Management SA) sul turnaround ed una tavola rotonda a seguire sul tema della ristrutturazione d’impresa finalizzata ad un successivo processo di sviluppo. Alla tavola rotonda parteciperanno alcuni esponenti delle società sponsor del Master in Merchant Banking, tra cui Maurizio Bernardi – Studio Pirola Pennuto Zei e Associati, Marco Canale – MPS Venture, Gabriele Cappellini – Fondo Italiano d’Investimento SGR, Mara Caverni – PriceWaterhouse Coopers, Marco Cecchi De Rossi – FitchRatings Italia, Giorgio Colombo – Icma San Giorgio ed Eugenio Morpurgo – Fineurop Soditic.
L’incontro sarà moderato da Anna Gervasoni, Direttore del Master in Merchant Banking.

Sarà, inoltre, presentata l’undicesima edizione del Master, anch’essa – come le precedenti e, del resto, come tutte le attività didattiche dell’Università Carlo Cattaneo – progettata in stretta collaborazione con il mondo del lavoro, in particolare merchant e investment banks, società di private equity e venture capital, società di intermediazione e gestione del risparmio, società di revisione, società di merger & aquisition, società di consulenza strategica e finanziaria che, oltre a collaborare alla progettazione ed alla docenza, ne sono anche sostenitrici con contributi finalizzati a borse di studio. Anche quest’anno il Master prevede due percorsi, uno di primo ed uno di secondo livello, riservati, rispettivamente, ai laureati triennali ed ai laureati magistrali.
«In un momento storico di grande difficoltà, quale è quello attuale, ma con la ripresa alle porte, è fondamentale concentrarsi sulla formazione, per creare figure professionali competenti e di successo, che siano adeguate alle nuove sfide», commenta la professoressa Anna Gervasoni, Direttore del Master.

Nelle dieci edizioni, il Master ha diplomato oltre 190 persone provenienti da tutta Italia e dall’estero. In maggioranza laureati in Economia, anche se vi sono numerosi laureati in Giurisprudenza ed Ingegneria. Due sono le tipologie degli iscritti: giovani neo-laureati alle prese con desiderio di ulteriore specializzazione prima di accedere al mondo del lavoro, oppure persone con breve esperienza lavorativa, non necessariamente nel settore finanziario, desiderosi di qualificarsi o di imprimere una svolta alla propria carriera.
I dati del placement sono decisamente positivi: il 90% dei partecipanti ha trovato occupazione presso banche, fondi di private equity e nella consulenza finanziaria, entro il mese successivo rispetto alla conclusione del Master.

Le pre-iscrizioni per la decima edizione del Master sono aperte fino al 16 dicembre 2010. Le lezioni inizieranno nel gennaio 2011. I partecipanti, dopo 5 mesi di aula, affronteranno un periodo di stage, garantito a tutti gli studenti presso alcune tra le più importanti istituzioni finanziarie, che durerà da fine giugno sino alla metà di ottobre 2011.
Di seguito, il programma dell’incontro.

Castellanza, 28 ottobre 2010


Lunedì 8 Novembre 2010, ore 16.00, Aula C229
Università Carlo Cattaneo – LIUC Piazza Soldini, 5 – Castellanza (VA)

Ore 16.00 Saluto
Andrea Taroni – Rettore Università Carlo Cattaneo – LIUC

Ore 16.15 “TaM – Turnaround Monitor”
Enrico Ceccato – Managing Partner Orlando Italy Management SA

Ore 16.35 Discussant
Maurizio Bernardi – Studio Pirola Pennuto Zei e Associati
Marco Canale – MPS Venture
Gabriele Cappellini – Fondo Italiano d’Investimento SGR
Mara Caverni – PriceWaterhouse Coopers
Marco Cecchi De Rossi – FitchRatings Italia
Giorgio Colombo – Icma San Giorgio
Eugenio Morpurgo – Fineurop Soditic

Modera
Anna Gervasoni – Direttore Master Universitario in Merchant Banking

A seguire Consegna dei diplomi ai partecipanti del Master Universitario in Merchant Banking – Decima Edizione

mercoledì 3 novembre 2010

Formazione permanente per Avvocati alla LIUC: La disciplina antiriciclaggio per i professionisti

Venerdì 5 novembre alla LIUC

Formazione permanente per Avvocati alla LIUC:
La disciplina antiriciclaggio per i professionisti

Nell’ambito della Formazione Permanente per Avvocati proposta dall’Università Carlo Cattaneo – LIUC tramite la Facoltà di Giurisprudenza e in collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Busto Arsizio, è previsto per il prossimo venerdì 5 novembre 2010 un incontro dal titolo: “La disciplina antiriciclaggio per i professionisti”.

Relatori, il Prof. Avv. Mario Zanchetti (Professore Ordinario di Diritto penale e Preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Carlo Cattaneo - LIUC), il Colonnello della Guardia di Finanza Carmelo Vella (Capo Divisione, Direzione investigativa antimafia - Relazioni internazionali, Ministero dell'Interno Roma), il Prof. Avv. Gianluca Varraso (Docente di Diritto processuale penale e Diritto processuale penale societario dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC) e il Prof. Avv. Oliviero Mazza (Professore Ordinario di Procedura penale dell’Università degli Studi di Milano - Bicocca e Avvocato in Milano).

Di seguito, il programma dell’incontro.

Castellanza, 3 novembre 2010

Programma

14.30 Registrazione dei partecipanti

15.00 Inizio lavori

Prof. Avv. Mario Zanchetti
Professore Ordinario di Diritto penale e Preside della Facoltà di Giurisprudenza - Università Carlo Cattaneo - LIUC

Colonnello GdF Dott. Carmelo Vella
Capo Divisione, Direzione investigativa antimafia - Relazioni internazionali, Ministero dell'Interno Roma

Prof. Avv. Oliviero Mazza
Professore Ordinario di Procedura penale Università degli Studi di Milano-Bicocca e Avvocato in Milano

Prof. Avv. Gianluca Varraso
Ricercatore di Diritto processuale penale e docente di Diritto penitenziario Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
Docente di Diritto processuale penale-Diritto processuale penale societario Università Carlo Cattaneo – LIUC
Avvocato in Milano

18.00 Conclusione lavori

martedì 26 ottobre 2010

Incontro con Marco Martinelli, Direttore Generale di Solvay Italia

Nuovo workshop del CeRiCo (Centro di Ricerche sulla Complessità)

Incontro con Marco Martinelli,
Direttore Generale di Solvay Italia

Nuovo appuntamento giovedì 28 ottobre 2010 alle ore 15.00 con i workshop promossi dall’Università Carlo Cattaneo – LIUC tramite il CeRiCo (Centro di Ricerche sulla Complessità), diretto dal professor Giuseppe Scifo.
Il relatore di questo incontro è l’ingegner Marco Martinelli, Direttore Generale di Solvay Italia, manager con una grande e diversificata esperienza internazionale in uno dei più importanti Gruppi industriali del mondo.
Il Gruppo Solvay è stato fondato in Belgio nel 1863 da Ernest Solvay. Oggi è una multinazionale chimica, con quartier generale a Bruxelles, operativa in 50 Paesi, con 400 sedi e stabilimenti e una forza lavoro di 26.000 unità.
Marco Martinelli illustrerà la sua visione della complessità, mostrando come abbia via via acquisito una capacità (non definitiva) di gestirla attraverso l’intreccio di esperienze, studi, valori personali, interazione con le persone che ha incontrato durante la sua carriera.

L’incontro si colloca nell’ambito del ciclo di appuntamenti promossi dal CeRiCo (Centro Ricerche sulla Complessità) – diretto dal professor Giuseppe Scifo, con obiettivi scientifici diretti alla realizzazione di ricerche sul campo, allo sviluppo di attività formative e all’individuazione di nuove modalità di gestione delle imprese.
Erede del Progetto Gestione Sistemi Complessi, che si è chiuso nel novembre 2007 dopo nove anni di attività, il CeRiCo ha una missione più ampia, pur mantenendo immutato il suo oggetto, cioè lo studio della complessità nelle scienze sociali e, in particolare, nelle scienze manageriali, nell’organizzazione, nelle scienze comportamentali, dove essa si manifesta potenzialmente in forma più difficile da comprendere, gestire, valutare e utilizzare.

Castellanza, 26 ottobre 2010

lunedì 25 ottobre 2010

La responsabilità sociale d’impresa: scelta strategica o filantropia?

Promosso dalla LIUC tramite l’Unità di Studi sull’Etica

La responsabilità sociale d’impresa:
scelta strategica o filantropia?

Si torna a parlare dei temi dell’etica applicati al mondo dell’impresa all’Università Carlo Cattaneo - LIUC: l’appuntamento è per giovedì 28 ottobre dalle ore 14.00 per il convegno “La responsabilità sociale d’impresa: scelta strategica o filantropia?”, promosso dall’Università tramite l’Unità di Studi sull’Etica, diretta da Massimo Folador, consulente aziendale e autore di numerosi testi sull’argomento, nei quali tra l’altro propone i monasteri benedettini quale esempio illuminante per l’ “organizzazione perfetta”.
L’Unità persegue due obiettivi importanti: generare un circolo virtuoso, quanto mai auspicabile oggi, fra le soluzioni che una ricerca ben orientata può generare e la loro immediata attuazione, e creare una “rete” di relazioni costruttive tra aziende che vivono e sperimentano la “scelta” etica come scelta di campo, strategia.
Fondamentale il riferimento al Decreto Legislativo 231 del 2001, che contempla una serie di norme e di obblighi volti a regolamentare tutte le attività lavorative, al fine di creare un codice di comportamento che tuteli e salvaguardi le persone, l’ambiente e il territorio.
Questo convegno nasce dalla convinzione che rispetto ai temi dell’etica che riguardano il mondo delle imprese esistano due principali atteggiamenti: quello chi riflette a lungo sui principi e si pone al centro di dibattiti approfonditi, con il rischio, a volte, di sviluppare azioni poco incisive e di contravvenire al significato stesso della parola etica (comportamento abituale, capace di condurre al bene comune) e quello di chi, al contrario, in virtù di un vissuto personale o aziendale, agisce con entusiasmo nella quotidianità correndo un altro rischio, ovvero quello di non riflettere in profondità sui principi che animano ogni azione, tanto più se collettiva, e di conseguenza sulla possibilità di generare cultura.
Obiettivo della giornata è di fornire un supporto alle aziende interessate a proseguire un cammino che faccia dei principi etici non tanto o non solo una scelta personale ma una strategia d’impresa grazie alla quale affrontare i cambiamenti e le richieste del mercato attuale.
Una strategia che pone il suo fondamento nella sfida rappresentata dalla “responsabilità sociale d’impresa”, intesa come capacità di riflettere su ciò che rappresenta il bene comune per l’impresa stessa e i suoi stakeholders e di porre in atto azioni coerenti e sistemiche.

A seguire, il programma della giornata

Castellanza, 25 ottobre 2010


PROGRAMMA

14.00 Registrazione

14.15 Massimo Folador
Direttore dell’Unità di studi sull’ETICA
La responsabilità d’impresa al centro della strategia

14.30 Gianfranco Rebora
Professore di Organizzazione e gestione delle risorse umane
Etica e responsabilità sociale delle imprese: un approccio critico

14.50 Vincenzo Linarello
Presidente Consorzio Sociale GOEL
Il rapporto fiduciario tra le persone quale vantaggio competitivo dell’impresa

15.30 Daniele Ravaglia
Direttore generale di Emil Banca
La responsabilità d’impresa e i dipendenti/collaboratori interni

15.50 Daniele Giani
Presidente Consorzio Servizi Sociali
La responsabilità d’impresa e i clienti/utenti finali

16.10 Coffee break

16.30 Umberto Costamagna
Fondatore e presidente Call&Call spa
La responsabilità d’impresa e la comunità locale

16.50 Primo Barzoni
Presidente e Amministratore delegato di Palm spa
La Responsabilità d’impresa, l’ambiente e la sostenibilità

17.10 Michele Pedrazzoni
Direttore generale di Co.Pad.Or. e Berni spa.
La responsabilità d’impresa e i partner/fornitori

17.30 Dibattito e chiusura dei lavori

giovedì 21 ottobre 2010

Economia Sostenibile: alla LIUC gli studenti imparano un nuovo modo di fare impresa

Intervento di Paolo Ricotti, Presidente di Planet Life Economy Foundation,
nell’ambito del Percorso di Eccellenza in Business Consulting

Economia Sostenibile:
alla LIUC gli studenti imparano un nuovo modo di fare impresa

Relatore eccellente oggi alla LIUC nell'ambito di una lezione del Percorso di Eccellenza in Business Consulting, attivato all'interno del corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale.
Paolo Ricotti, Presidente di Planet Life Economy Foundation, con alle spalle importanti cariche all'interno del Gruppo Coin, del Gruppo Heineken Italia e in Perugina-Nestlè, ha tenuto una lezione su "Nuovi scenari di business: sostenibilità e Green Economy".
Ricotti ha sottoposto agli studenti presenti, partecipanti al corso ma anche interessati delle altre due facoltà, un approfondimento che viene normalmente utilizzato per i corsi di strategia aziendale nelle imprese: “Le nuove generazioni - ha spiegato - devono adattarsi all’evoluzioni dei mercati e ai nuovi modelli sociali ed economici, che impongono un vero e proprio cambiamento strutturale. L’economia sostenibile o consciousness capitalism è la logica economico-gestionale che caratterizzerà il prossimo ciclo economico, che avrà inizio nel 2020 ma nel quale siamo in qualche modo già inseriti e che si prevede possa durare una trentina d’anni. Una visione di equilibrio e armonia universale che in Italia non è ancora stata compresa a pieno e che ha un respiro assolutamente internazionale. Questi “movimenti” sono partiti infatti dal Nord Europa, ora si stanno radicando negli Stati Uniti e poi si prevede che ritorneranno in Europa. Certamente le nuove generazioni possono e devono inserirsi in tutto questo. Si tratta di un nuovo modo di fare impresa, che apre prospettive straordinarie in tutto il mondo”.
Ricotti precisa che non si tratta di rinnegare modelli preesistenti: “Questa nuova logica non è in contraddizione con essi ma li evolve”.
Alcuni esempi pratici di “casi” hanno aiutato gli studenti a comprendere meglio l’applicazione di questa logica e la trasversalità di interesse: “Un esempio per quanto riguarda le grandi imprese è il gruppo Angelantoni di Massa Martana (Perugia), per le PMI l’azienda agricola Arnaldo Caprai di Montefalco, sempre in provincia di Perugia. Altro esempio è la comunità di San Patrignano. Tutti casi in cui ci si sta impegnando per avvicinarsi a queste nuove logiche di gestione”.

Il Percorso di Eccellenza in Business Consulting, attivato nell’ambito del corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale mira a formare consulenti strategici, una delle figure che può esprimere al meglio le competenze degli ingegneri gestionali e massimizzare la loro trasversalità.
Gli studenti sono formati sulle competenze critiche (sia di tipo individuale, che di teamwork) e sugli strumenti di base della consulenza, in modo da rendere il loro impiego più velocemente produttivo nei progetti di consulenza, garantendo nel contempo al mercato competenze sempre più allineate alle nuove esigenze dei clienti,
Il corso, che si articola in 180 ore di aula distribuite nel periodo ottobre - dicembre 2010, completa il percorso didattico della Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, valorizzando ulteriormente le competenze acquisite e arricchendole con competenze specialistiche immediatamente spendibili sul mercato. Le lezioni si terranno in lingua italiana e sono aperte a uditori esterni.

Castellanza, 21 ottobre 2010

Testimonianza di Pietro Venanzi, test pilot di AgustaWestland

Al via la seconda edizione del Master H&A
- Helicopter and Airplane in Management per il Settore Aeronautico

Testimonianza di Pietro Venanzi,
test pilot di AgustaWestland

Futuri manager del volo ai blocchi di partenza all’Università Carlo Cattaneo – LIUC: prenderà il via lunedì 25 ottobre dalle ore 9.00 la seconda edizione del Master Universitario di secondo livello H&A - Helicopter and Airplane in Management per il Settore Aeronautico.
I partecipanti avranno modo di incontrare i rappresentanti di alcune delle aziende partner e di ascoltare la testimonianza di Pietro Venanzi, test pilot di AgustaWestland.
Venanzi diventa Pilota Militare nel 1988 presso la base dell’USAF di Sheppard, in Texas, volando su T-37 e T-38. Assegnato al 4° Stormo di Grosseto, diviene poi Combat Ready col ruolo di Caccia Intercettore Ognitempo sul velivolo F-104 Starfighter.
Selezionato per il Reparto Sperimentale di Volo di Pratica di Mare, si qualifica anche sull’ala rotante e diviene Pilota Collaudatore nel 1993 presso la base della Marina Militare USA di Patuxent River, vicino Washington D.C.
Nei successivi 6 anni prende parte a numerosi programmi di sviluppo sia su elicotteri che su aeroplani. È stato pilota presentatore ufficiale per l’Aeronautica di NH-500, G-222 e F-104. A tutt’oggi quello che ha presentato in volo più aeromobili.
Fregiato della medaglia di bronzo al Valore Aeronautico per aver brillantemente risolto una gravissima avaria in volo, è stato Aiutante di Volo del Capo di Stato Maggiore della Difesa, prima di lasciare il servizio nel Dicembre 1999 col grado di Tenente Colonnello. Entra in Agusta alla fine dello stesso anno per occuparsi del programma BA-609, del quale è, a tutt’oggi, il pilota responsabile.
Ha oltre 7000 ore di volo totalizzate su più di 50 tipi di aeromobili diversi.

I partner della seconda edizione del Master sono Distretto Aerospaziale Lombardo, Unione degli Industriali della Provincia di Varese, AgustaWestland, Alenia Aermacchi, Elettronica Aster, Gemelli, Mecaer Aviation Group, Sea, Secondo Mona e Selex Galileo.
Il Master si rivolge a giovani neolaureati in ingegneria aeronautica, meccanica, aerospaziale, elettronica e gestionale e si pone l’obiettivo di preparare i giovani ingegneri ad inserirsi nei ruoli tecnici delle aziende del settore, combinando una preparazione tecnologica specifica, con competenze manageriali e abilità comportamentali.

A seguire, il programma dell’incontro.

Castellanza, 21 ottobre 2010



Programma

Ore 9.00 Welcome coffee

Ore 9.15 Apertura
Prof. Gianfranco Rebora, Presidente Comitato di Direzione Scientifica Master
Monica Giani, Direttore Scientifico Master

Ore 9.30 Saluti di benvenuto

Alba Ciserani, Unione degli Industriali della Provincia di Varese
Gianluigi Ghezzi e Paola Margnini, Distretto Aerospaziale Lombardo
Raffaele Izzo, AgustaWestland
Ing. Massimo Lucchesini, Alenia Aermacchi
Marco Di Cicco, Elettronica Aster
Ing. Pierantonio Pavan, Gemelli
Ing. Simon George Harris, Mecaer Aviation Group
Barbara Spangaro, SEA
Claudia Mona, Secondo Mona
Referente azienda Selex Galileo

Ore 10.00 Testimonianza dal mondo aeronautico: Pietro Venanzi, Test Pilot AgustaWestland

mercoledì 20 ottobre 2010

Dalla Svezia, un gruppo di giovanissimi alla LIUC

Studenti di un liceo di Vaggeryd (Svezia) in visita alla LIUC

Dalla Svezia, un gruppo di
giovanissimi alla LIUC

La Svezia bussa alle porte della LIUC: l’Università ha ospitato oggi una delegazione di studenti provenienti dal liceo Fenix Kunskapscentrum di Vaggeryd.
Il gruppo, comprendente 15 ragazzi del quinto anno, sta visitando il nostro Paese nell’ambito di un progetto di scambio con un liceo italiano e grazie alla segnalazione di uno studente che sta svolgendo in LIUC il suo periodo di Erasmus, Markus Larsson, ha fatto tappa anche all’Università.
I docenti svedesi parlano di un’esperienza assolutamente positiva e osservano come l’approccio alla didattica in Italia sia estremamente interessante, soprattutto per l’alto tasso di interattività tra docenti e studenti, sia nelle scuole superiori che hanno visitato, sia alla LIUC.
Gli studenti hanno avuto la possibilità di effettuare un tour completo dell’ateneo, dal parco alle aule, e hanno trovato particolarmente interessante la storia degli edifici della LIUC, frutto di un complesso intervento, ad opera dell’architetto Aldo Rossi, sull’ex Cotonificio Cantoni.
Tutti gli studenti dichiarano di voler trascorrere un periodo all’estero durante gli studi universitari. Qualcuno si è anche sbilanciato, affermando che l’Italia e la LIUC potrebbero essere una buona scelta.
Nella stessa giornata, ha visitato l’Università anche Ann-Catrin Nordin, che si occupa di Relazioni Internazionali per la Mid-Sweden University, una tra le Università svedesi partner della LIUC.

Una giornata speciale per un ateneo che fa dell’internazionalizzazione uno dei suoi plus: ogni anno, infatti, sono circa 250 gli studenti LIUC all’estero per studio o stage e 200 gli studenti stranieri alla LIUC.
Provengono sia da Università europee (nell’ambito del programma Erasmus), sia da Paesi di altri Continenti, nell’ambito degli scambi previsti dalle 93 Università convenzionate, in 34 Paesi nel mondo. La fitta rete delle relazioni internazionali attribuisce alla LIUC il primato, tra le Università italiane, per numero di studenti che svolgono periodi di studio all’estero in rapporto alla popolazione studentesca. Sono inoltre attivi programmi di doppio titolo di laurea, italiana ed estera, con le Università partner LIUC e Summer School in Cina e Arizona.
Per quanto riguarda gli scambi con la Svezia, al momento 8 studenti svedesi sono in LIUC tramite il progetto Erasmus: 4 dalla Jönköping Business School, 1 dalla Karlstad University, 1 dalla Kristianstad University, 1 dalla Skövde University e 1 dalla University West.
9 studenti LIUC si trovano invece al momento presso università svedesi: 7 alla Jönköping Business School e 2 alla University West.

Castellanza, 20 ottobre 2010

martedì 19 ottobre 2010

Universita' Aperta alla LIUC

Vieni a conoscere la tua Università il prossimo martedì 26 ottobre

Universita' Aperta alla LIUC

Una giornata pensata per offrire alle future matricole un assaggio della vita universitaria: torna l'iniziativa "Università Aperta", prevista per il prossimo martedì 26 ottobre 2010.

Questa edizione è particolarmente dedicata agli interessati alle lauree triennali in Economia e Ingegneria e alla laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza.

Presso i LIUC Point sarà inoltre possibile avere informazioni dettagliate sui servizi d'eccellenza dell'Università Cattaneo: le Relazioni Internazionali, che vantano collaborazioni con 93 università straniere in 34 Paesi nel mondo, il Servizio Relazioni Esterne e Placement, che fornisce stage agli studenti durante il periodo degli studi e accompagna i laureati nella ricerca del lavoro, il Diritto allo Studio, che nel 2010 ha erogato oltre 1.650.000 di Euro in borse di studio e contributi; il progetto Skills&Behaviour per affrontare la vita e il lavoro con maggior consapevolezza, padronanza di abilità e comportamenti e poi la Biblioteca, le dotazioni informatiche a supporto dello studio, il Centro Linguistico, le Attività Extradidattiche con le relative squadre sportive, le Associazioni studentesche. Sarà anche possibile visitare gli edifici della LIUC, la Residenza Universitaria interna al Campus con i suoi 440 posti letto, per conoscere i luoghi dedicati all'attività didattica, allo studio, alla ricerca e al divertimento.
Alcuni studenti universitari saranno a disposizione per rispondere a domande sui corsi di laurea triennali e magistrali e per rispondere alle curiosità dei giovani visitatori.
I docenti della LIUC sono a disposizione per ricevere gli studenti su appuntamento, un'occasione importante di approfondimento del corso di laurea che si intende frequentare. Sarà inoltre possibile sostenere gratuitamente il nostro test psicoattitudinale.


Informazioni e iscrizioni:
Servizio Orientamento e Rapporti con le scuole
Telefono 0331 572.300 Fax 0331 572.425
Mail: orientamento@liuc.it
www.liuc.it

Castellanza, 19 ottobre 2010


Programma

REGISTRAZIONE
Dalle 9 alle 16 – Atrio ingresso principale Edificio Aule

LIUC-POINT
Dalle ore 9.00 alle 16.00 - Atrio secondo piano Edificio Aule

 Borse di studio  Economia Point
 Stage e placement  Giurisprudenza Point
 Relazioni internazionali  Ingegneria Point
 Attività extra didattiche  Skills&Behaviour
 Centro lingue

VISITA GUIDATA della LIUC
Dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00
Piccoli gruppi di studenti verranno accompagnati all’interno del Campus dell’Università.

STUDENT-POINT – Desk Facoltà
Dalle ore 10.00 alle 16.00
Studenti LIUC rispondono alle vostre domande su studi e vita universitaria.

PRESENTAZIONE DEGLI ORIENTAMENTI DEI CORSI DI LAUREA

INGEGNERIA GESTIONALE Ore 9.30 - Aula C228

 Meccanico
 Tessile (Fashion Technology)
 Grafico-Cartotecnico (Printing & Packaging Technology)

 ICT Information & Communcation Technology
 Materie plastiche e gomma
ECONOMIA AZIENDALE Ore 10.15 - Aula C228

 Management e imprenditorialità
 Amministrazione e finanza
 Made in Italy and global markets
 Psicologia e sociologia per la gestione aziendale
 Diritto ed economia d’impresa
GIURISPRUDENZA Ore 11.00 - Aula C228

 Economico e Diritto d’impresa
 Internazionale e comparato
 Penale e criminologico


TEST PSICOATTITUDINALE SESTANTE LIUC
Alle ore 12.00 - Aula C228

INCONTRO INDIVIDUALE CON DOCENTI
Dalle 14.00 alle 16.00 – per fissare un appuntamento inviare una m

lunedì 18 ottobre 2010

Alla LIUC nasce Lindt Academy

La Formazione Manageriale per le giovani promesse di Lindt & Sprüngli

Alla LIUC nasce Lindt Academy

Accrescere il livello di professionalità dei propri talenti e trasmettere l’attenzione che l’organizzazione ha per loro. Questo il percorso intrapreso da Lindt & Sprüngli, ed inserito nella strategia e vision dell’azienda per raggiungere con successo gli ambiziosi traguardi dei prossimi anni. Un progetto portato avanti con passione e determinazione dall’Azienda leader nel mercato del cioccolato di alta qualità, che offre un’ampia selezione di prodotti in più di 100 paesi del mondo. Con oltre 160 anni di storia, Lindt & Sprüngli è diventata nota come una delle più innovative e creative aziende di produzione di cioccolato premium, con sei poli produttivi in Europa, due negli Stati Uniti d’America ed uffici commerciali in quattro continenti.
Lindt ha deciso di mettere a punto una vera e propria “Academy” costruendone il percorso insieme all’Università Carlo Cattaneo – LIUC, in particolare con l’Area Ricerca e Formazione, la Business School dell’Università che vanta un’ampia offerta di corsi a catalogo e su commessa costruiti sulle esigenze del mondo dell’impresa, delle professioni e della pubblica amministrazione.
Il progetto, che ha coinvolto fortemente la Direzione Risorse Umane di Lindt, guidata da Marco Mossuto, ha avuto il determinante supporto del Comitato Esecutivo Lindt Italia e del suo Amministratore Delegato, Fabrizio Parini.
Il percorso mira a soddisfare i fabbisogni formativi di giovani con 4/5 anni di esperienza lavorativa, che potrebbero in futuro ricoprire ruoli di responsabilità all’interno dell’azienda, nonché dalla volontà di supportare i partecipanti nello sviluppo a 360° delle dimensioni del ruolo professionale, ha un focus non solo sulla dimensione tecnica, ma anche e soprattutto su aspetti gestionali e relazionali che un futuro Manager deve apprendere. L’azienda infatti, intende valorizzare i propri giovani più talentuosi mettendoli in condizione di affrontare nel modo più consapevole possibile il passaggio dalla loro attuale posizione a quella di manager e dunque da un logica esecutrice ad una di gestori di persone e di conoscenze.
Lindt Academy si articola in 10 giornate formative nell’arco di 12 mesi, con 18 partecipanti coinvolti. Il percorso formativo prevede oltre al contributo dei docenti LIUC, anche quello dei membri del Comitato Esecutivo Lindt per una parte maggiormente legata alle specificità dell’Azienda.
La metodologia didattica prevede lezioni su contenuti teorici in virtù delle caratteristiche e delle esigenze dei partecipanti e studio di casi ed esercitazioni pratiche. Le aree che verranno approfondite sono Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane, Marketing e Comunicazione, Gestione d’Impresa, Vendite, Processi Produttivi e Logistica.

Castellanza, 18 ottobre 2010

lunedì 11 ottobre 2010

Università Carlo Cattaneo – LIUC in fiera

Nei mesi di ottobre e novembre, in tutta Italia

Università Carlo Cattaneo – LIUC in fiera

E’ tempo di fiere dedicate all’orientamento universitario in tutta Italia e l’Università Carlo Cattaneo – LIUC di Castellanza (VA) è presente in maniera capillare per far conoscere la propria offerta. Questi i prossimi appuntamenti: Orientasud, promossa dall’A.C.S.I.G. (Associazione Culturale per lo Sviluppo dell’Inventiva Giovanile), a Napoli il 19 – 20 e 21 ottobre; Orienta Sicilia, promosso dall’Associazione ASTER e da Archimedia Communication, a Palermo il 3, 4 e 5 novembre; Campus Bari, salone dello studente organizzato dall’omonimo mensile, a Bari il 17, 18 e 19 novembre; Job&Orienta, mostra-convegno dedicata a orientamento, scuola, formazione e lavoro che si tiene alla Fiera di Verona i prossimi 25, 26 e 27 novembre.

L’Università Carlo Cattaneo – LIUC si trova a Castellanza, in provincia di Varese, a 15 km da Milano e ad altrettanti da Malpensa.
Iniziata nel 1991 con 303 studenti, oggi la LIUC ha 3 Facoltà: Economia, Giurisprudenza, Ingegneria; 11 Master Universitari di primo o secondo livello; circa 2.000 studenti e 300 docenti. Ad oggi i laureati LIUC sono circa 6.000.
L’offerta formativa si articola in un corso di laurea triennale ed uno di laurea magistrale in Economia aziendale, un corso di laurea magistrale (percorso quinquennale a ciclo unico) in Giurisprudenza, un corso di laurea triennale ed uno di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale.
I percorsi di studio sono stati rinnovati, oltre che per le esigenze della riforma universitaria, anche per rispondere alla domanda degli studenti, delle famiglie e del mondo del lavoro di un’istruzione superiore di maggior valore e qualità, capace anche di valorizzare i contributi personali e di stimolare gli studenti a sviluppare abilità e qualità comportamentali.
L'Università Carlo Cattaneo è, per scelta, un Ateneo a misura di studente, con un ottimo rapporto numerico fra studenti e docenti così da assicurare un'elevata qualità delle attività.
E’nata dalle imprese per le imprese per volontà dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese con uno scopo preciso: favorire lo sviluppo della cultura aziendale e preparare professionisti d’impresa.
I dati del Placement sono decisamente positivi: grazie allo stretto rapporto con il mondo delle imprese e delle professioni, a tutti gli studenti è offerta la possibilità di svolgere un periodo di stage (nel 2009 ne sono stati effettuati ben 811). Inoltre, i laureati impiegano mediamente 2 mesi dalla laurea per trovare un’occupazione.
La LIUC ha tra i suoi punti di forza l’internazionalizzazione del percorso, attraverso programmi di mobilità e corsi in lingua inglese: la fitta rete delle relazioni internazionali le attribuisce il primato, tra le Università italiane, per numero di studenti che svolgono periodi di studio all’estero in rapporto alla popolazione studentesca. Sono inoltre attivi programmi di doppio titolo di laurea, italiana ed estera, con le Università partner LIUC, Summer School in Cina e Arizona.
L'Università Carlo Cattaneo, inoltre, dispone di una Residenza Universitaria interna al Campus con servizi di alta qualità in una struttura interamente cablata, che dispone di 250 camere per 440 posti letto. Grazie al cablaggio dell'edificio, da ciascuna camera è possibile collegarsi con la rete informatica dell'Università e connettersi via Internet con altre Università e istituzioni scientifiche nel mondo, potendo così consultare senza limiti di tempo le biblioteche, scaricare testi e dispense, colloquiare con i docenti per posta elettronica. Esiste inoltre un’area commerciale di 2.600 mq che comprende reception, sportello bancario, lavanderia, bar, sala musica, sala videoconferenze, laboratorio linguistico dedicati agli studenti residenti.
La LIUC è un’ “Università da vivere”, nella quale alla formazione possono essere affiancate una serie di esperienze ricreative: sono infatti attive associazioni studentesche, un laboratorio teatrale, band musicali, una web radio e squadre sportive di diverse discipline, tra cui pallacanestro, calcio, volley, rugby.
Inoltre, l’Università Carlo Cattaneo – LIUC premia il merito, attraverso significative agevolazioni per coloro che conseguono alte votazioni all’esame di maturità e mantengono una media del 27/30.


Per informazioni:
Ufficio Orientamento e Rapporti con le Scuole
Telefono 0331 572.300 - Fax 0331 572.320
Università Carlo Cattaneo - LIUC
Corso Matteotti 22 - 21053 Castellanza (VA)
email: orientamento@liuc.it

Per i rapporti con la stampa:
Francesca Zeroli
Comunicazione e Immagine
Telefono 0331.572.541 - Fax 0331 480.746
Università Carlo Cattaneo - LIUC
Corso Matteotti 22 - 21053 Castellanza (VA)
email:fzeroli@liuc.it

lunedì 4 ottobre 2010

Ashurst LLP e Page Personnel incontrano gli studenti LIUC

Domani appuntamento con i Career day della LIUC

Ashurst LLP e Page Personnel
incontrano gli studenti LIUC

Il ciclo di incontri "Career Day”, a cura dell'Università Carlo Cattaneo – LIUC attraverso il Servizio Relazioni Esterne e Placement, torna con un nuovo appuntamento domani,

martedì 5 ottobre
alle ore 9.30 in aula C229

Protagonisti dell’incontro, Ashurst LLP e Page Personnel. Relatori saranno per Ashurst LLP l’Avv. Ilario Giangrossi (Partner del Dipartimento di Litigation) e l’Avv. Daniele Iorio (Associate del Dipartimento di Litigation) e per Page Personnel il Direttore Pamela Bonavita e il Manager Marco Fusaro.

Ashurst LLP è uno dei principali studi legali internazionali, con sede nei più importanti centri finanziari del mondo. Oltre che a Londra, Ashurst LLP, che si avvale dell'esperienza di oltre 200 soci, 800 tra avvocati e dottori commercialisti è presente, direttamente o mediante accordi di collaborazione con studi indipendenti a Abu Dhabi, Bruxelles, Dubai, Francoforte, Hong Kong, Madrid, Milano, Monaco di Baviera, New York, Parigi, Singapore, Stoccolma, Tokyo e Washington DC.
Ashurst è specializzato principalmente in: contenzioso sia in sede ordinaria, sia arbitrale; energia, trasporti e infrastrutture; private equity ed M&A, capital markets; banking e finance (diritto bancario, finanziamenti, ristrutturazione del debito, project finance); real estate e diritto amministrativo; diritto tributario; diritto della concorrenza/antitrust.
Ashurst LLP annovera tra i suoi clienti società multinazionali, gruppi industriali, istituzioni bancarie e finanziarie, investitori istituzionali, fondi di "private equity" e di investimento mobiliari ed immobiliari. Ashurst LLP assiste, inoltre, enti governativi, società pubbliche e fondi sovrani in complesse operazioni, spesso di carattere multi-giurisdizionale.

Page Personnel è l'agenzia per il lavoro del gruppo Michael Page che si occupa di ricerca e selezione di personale qualificato, mediante somministrazione di lavoro temporaneo e assunzioni dirette a tempo determinato e indeterminato. Page Personnel è specializzata nella selezione di profili impiegatizi fino al middle management. Nata dall'esperienza del Gruppo Michael Page, è oggi presente in 17 paesi nel mondo - Italia, Spagna, Francia, Svizzera, Belgio, Lussemburgo, Olanda, Germania, Svezia, UK, Portogallo, Stati Uniti, Messico, Brasile, Australia, Singapore, Cina.
In Italia, Page Personnel è presente con sedi a Milano, Torino, Roma e Bologna.
La particolare organizzazione interna consente di offrire un know how qualificato, grazie proprio alla caratterizzazione in 12 divisioni specializzate: finance & accounting; banking & insurance; assistant & office support; human resources; sales & marketing; retail; sales administration purchasing&logistic; technicians & engineers; energy&environment; technology; healthcare & life sciences; specializzazione categorie protette.

Come di consueto, tramite questi incontri gli studenti LIUC hanno la possibilità di conoscere manager di alto profilo a cui rivolgere domande e proporre i propri curricula: un opportunità unica per capire quali siano i requisiti che il mercato del lavoro richiede.

Castellanza, 4 ottobre 2010

venerdì 1 ottobre 2010

Sistemi sanitari a confronto per la cooperazione internazionale

Alla LIUC un convegno internazionale promosso dall’Università
tramite il CREMS - Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità e nel Sociale

Sistemi sanitari a confronto per la cooperazione internazionale

Sanità sotto la lente d’ingrandimento oggi all’Università Carlo Cattaneo – LIUC: presso l’Auditorium si è svolto infatti il convegno “Health Service: Human Resource Crisis & Sustainable Capacity For Research” (“Sistema sanitario: crisi delle risorse umane e capacità sostenibile per la ricerca”), promosso dall’Università tramite il CREMS - Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità e nel Sociale. Il Centro opera nei settori sanitario e socio-sanitario, svolgendo attività di formazione e ricerca sulle tematiche del management aziendale e dell’economia sanitaria. I temi di ricerca e formazione sono approfonditi anche attraverso un accordo formale con l’Istituto Superiore di Sanità e una rete di collaborazioni che riunisce istituzioni di eccellenza nelle rispettive aree di competenza.
Il convegno tenutosi oggi nasce nell’ambito del progetto MedTalent, che vede impegnato un gruppo di ricerca che raccoglie istituzioni e professionisti provenienti da tutta Europa e Africa, nella ricerca per lo sviluppo di soluzioni applicabili a livello locale con lo scopo di garantire la disponibilità di personale medico e sanitario all'interno del sistema sanitario, declinato nei suoi diversi settori, per affrontare la mancanza pericolosamente crescente di risorse umane all'interno del settore. Decisamente internazionale, dunque, il panel dei relatori, provenienti da Francia, Spagna, Ungheria, Polonia e Sudafrica.
“Obiettivo della giornata di oggi – ha spiegato il professor Davide Croce, Direttore del Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità e nel Sociale – è porre le basi per costruire una rete tra Università europee e africane per la ricerca e la formazione nel settore sanitario: quello che emerge è che oggi per mettere a punto percorsi formativi su scala mondiale, che prevedano lo scambio di competenze e risorse, davvero non si può procedere senza un’adeguata rete di relazioni internazionali”.
Il professor Croce ha messo in evidenza il problema della carenza di risorse umane nel settore sanitario: “Il problema riguarda in particolare infermieri e specialisti clinici. Il numero chiuso per i corsi afferenti alle Facoltà di Medicina nei Paesi industrializzati ci porta ad avere un sistema sanitario in crisi e costringe sovente a sottrarre risorse ai Paesi del Terzo Mondo”.
Il Convegno è nato dalla volontà di creare un’utile occasione di confronto tra diversi Sistemi Sanitari internazionali, e di individuare modelli, strategie e politiche per accrescere, sia quantitativamente che qualitativamente, la ricerca in Sanità, con particolare riferimento agli aspetti gestionali. Un confronto che ha messo le basi per una collaborazione duratura: “Nell’ambito del progetto Med Talent è in cantiere la creazione di percorsi formativi sia accademici sia per i professionisti: nostri partner sono in questa iniziativa numerose università di Polonia, Ungheria, Spagna, Francia, Sudafrica”.
L’evento è stato aperto dall’intervento dell’Assessore Regionale alla Sanità Luciano Bresciani: “Come Regione Lombardia, siamo riusciti - ha detto - a raggiungere un livello di sanità che è considerato soddisfacente dai nostri cittadini e che attrae molti pazienti anche al di fuori dei confini della nostra regione. Questo avviene con una spesa che, in percentuale rispetto al prodotto interno lordo regionale, è tra le più basse nel mondo industrializzato, mentre il nostro saldo di bilancio rimane stabile, cosa di cui andiamo particolarmente orgogliosi. La nostra ambizione, e anche la speranza, è di poter condividere il nostro know – how con un numero crescente di Paesi ed entità regionali, per poter contribuire, per quanto ci è possibile, a quegli obiettivi di Millennio più strettamente collegati alla questione sanitaria. L’Africa è di gran lunga la destinataria del maggior numero di iniziative cooperative da parte della nostra Regione nel settore sanitario”.
Castellanza, 1 ottobre 2010

All’interno del corso di Laurea in Ingegneria Gestionale si apre il Percorso di Eccellenza in Business Consulting per formare i consulenti strategici

La consulenza strategica si impara
alla Facoltà di Ingegneria della LIUC

All’interno del corso di Laurea in Ingegneria Gestionale si apre
il Percorso di Eccellenza in Business Consulting per formare i consulenti strategici.
Professionisti di successo si raccontano alla presentazione del corso.

Martedì 5 ottobre 2010 alle ore 10,30
presso l’Università Carlo Cattaneo – LIUC di Castellanza (VA)
Aula C228

Il consulente strategico è una delle figure che può esprimere al meglio le competenze di un ingegnere gestionale e massimizzare la loro trasversalità.
Per formare anticipatamente i laureati sulle competenze critiche (sia di tipo individuale, che di teamwork) e sugli strumenti di base della consulenza, in modo da rendere il loro impiego più velocemente produttivo nei progetti di consulenza, garantendo nel contempo al mercato competenze sempre più allineate alle nuove esigenze dei clienti, la Facoltà di Ingegneria dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC ha attivato, per l’anno accademico 2010/2011, un Percorso di Eccellenza in Business Consulting che sarà presentato martedì 5 ottobre 2010, dalle ore 10,30 alla LIUC in aula C228.

Programma

10.15 Registrazione

10.30 Scenari per il consulente di direzione nel 2015
Marco Beltrami - Presidente APCO (Associazione Professionale Italiana dei Consulenti di Direzione
e Organizzazione)

11.00 Innovazione, opportunità di business e nuovi manager
Enrico Sassoon - Direttore Harvard Business Review Italia

11.30 L'ingegnere gestionale come consulente
Aurelio Ravarini – LIUC, Coordinatore del Percorso di Eccellenza in Business Consulting

12.00 Da neolaureato a consulente di direzione
Testimonianza di un consulente laureato LIUC


Il corso, che si articola in 180 ore di aula distribuite nel periodo ottobre - dicembre 2010, completa il percorso didattico della Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, valorizzando ulteriormente le competenze acquisite e arricchendole con competenze specialistiche immediatamente spendibili sul mercato. Le lezioni si terranno in lingua italiana e sono aperte a uditori esterni.

La partecipazione all’incontro è aperta al pubblico ed è gratuita previa registrazione: Segreteria della Facoltà di Ingegneria, Sig.a Gabriella Cavazzana, Tel. 0331 572331, gcavazzana@liuc.it.
Ufficio Comunicazione e Immagine Università Carlo Cattaneo – LIUC, Telefono 0331.572.541, Fax 0331.480746, fzeroli@liuc.it.


Castellanza, 30 settembre 2010

mercoledì 29 settembre 2010

Il web-learning del Cetic (LIUC) al centro di un progetto sviluppato con e per l’Università de L’Aquila

Il web-learning del Cetic (LIUC)
al centro di un progetto sviluppato con e per l’Università de L’Aquila

Nato dalla collaborazione tra l’Università Carlo Cattaneo - LIUC e l’Università de L’Aquila,
il progetto Web-L@UnivAQ sarà presentato a L’Aquila, al Congresso Nazionale AICA,
nella tavola rotonda “La didattica nell'emergenza e sviluppi futuri” (30 settembre ore 17.30)

La metodologia web-learning sviluppata dal Cetic, il Centro di Ricerca per l'Economia e le Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione attivo all’interno della Facoltà di Ingegneria Gestionale dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC, è alla base del progetto Web-L@UnivAQ.
Il progetto, nato dalla collaborazione di docenti e ricercatori della LIUC e dell’Università degli Studi de L’Aquila, fornisce una risposta alla situazione di emergenza in atto presso L’Ateneo de L’Aquila, a seguito del sisma del 2009, e si pone anche come una opportunità di innovazione della formazione accademica e di un suo complessivo miglioramento.
Il progetto sarà presentato al Congresso Nazionale AICA (L’Aquila, 29/30 settembre - 1 ottobre 2010) il 30 settembre 2010, alle ore 17.30, nella tavola rotonda “La didattica nell'emergenza e sviluppi futuri”.
A presentarlo, insieme al Prof. Aurelio Ravarini, e alla Dott.ssa Sara Sterlocchi, rispettivamente direttore e ricercatrice del Cetic, saranno i docenti e ricercatori dell’Università degli Studi dell'Aquila: Guido Macchiarelli, Norberto Gavioli, Fabio Graziosi, Giovanni De Gasperis.

Per garantire la continuità della vita accademica, all’Università de L’Aquila sono stati utilizzati tutti i canali che si sono resi via via disponibili nei mesi successivi al sisma e che hanno permesso a studenti e docenti di accedere da fuori sede ai servizi virtuali e, all’Università, di non interrompere altre attività didattiche, erogandole in modalità a distanza, sincrona e asincrona.
Le attività didattiche online, adottate in via sperimentale nei progetti di alcune Facoltà dell’università abruzzese, a partire dal 2008, dopo il terremoto sono diventate un'esigenza di tutto l'ateneo, rendendo così necessario gestirle in modo organico, con un approccio metodologico e progettuale strutturato.
Il Cetic ha offerto aiuto all’Università dell'Aquila con le proprie competenze e con la sua collaudata metodologia per la formazione a distanza a supporto della didattica d’aula che consente di superare barriere e impedimenti fisici, un obiettivo fondamentale per l'ateneo aquilano anche a più di un anno di distanza dai tragici eventi del 2009.
Oltre che fornire l’occasione per presentare il progetto Web-L@UnivAQ, il workshop consentirà di dibattere su come le tecnologie permettano di superare una situazione di estrema emergenza e contribuire a diffondere nuovi modelli formativi nel mondo universitario.

Per informazioni sul Congresso Nazionale AICA 2010 e per l'agenda degli interventi consultare il sito della manifestazione (http://aica2010.univaq.it).

Per ulteriori informazioni contattare Paola Negrin, Università Carlo Cattaneo – LIUC, telefono 0331.572226, pnegrin@liuc.it o Francesca Zeroli - Ufficio Comunicazione e Immagine Università Carlo Cattaneo – LIUC, telefono 0331.572541, fax 0331.572320, fzeroli@liuc.it.

Castellanza, 29 settembre 2010